Fridays for Future, a Torino il raduno internazionale di agosto. Appendino: «Siamo il megafono del mondo»

Torino sarà la seconda città a ospitare il raduno internazionale dopo l’evento a Losanna della scorsa estate dove tutti i partecipanti, per ridurre al minimo l’impatto ecologico, erano andati in Svizzera in treno o bus

La città piemontese ospiterà, ad agosto, il raduno internazionale di Fridays for Future. Il capoluogo, visitato di recente da Greta Thunberg, è stato preferito alla città tedesca di Dresda. Con il 75% delle preferenze, gli attivisti di tutto il mondo si sono espressi e hanno preferito l’Italia per l’organizzazione del prossimo congresso internazionale del movimento ambientalista.

Lo rendono noto i giovani attivisti del movimento che si batte per l’ambiente ispirato dalla attivista svedese di 16 anni. Il raduno durerà cinque giorni e porterà sotto la Mole ragazzi da tutto il mondo, tra cui, quasi certamente, anche Greta Thunberg.

L’attivista svedese è reduce da una visita proprio a Torino, dove lo scorso venerdì ha partecipato alla manifestazione di Fridays for Future e da cui era nata la candidatura della città piemontese per ospitare l’evento. L’endorsement era arrivato dalla stessa Greta.

«Durante l’incontro dei giorni scorsi con Greta – spiega Luca, referente torinese di Fridays for Future – le abbiamo anticipato che avremmo potuto ospitare il meeting e ora ci sarà. Al termine dell’incontro stileremo un report, che sarà uno sorta di statuto del movimento».

Torino sarà quindi la seconda città a ospitare il raduno internazionale dopo l’evento a Losanna della scorsa estate dove tutti i partecipanti, per ridurre al minimo l’impatto ecologico, erano andati in Svizzera in treno o bus.

Appendino: «Torino il megafono del mondo»

La scelta di Torino come sede del prossimo raduno internazionale dei Fridays For Future è «un segnale importante che ancora una volta mette al centro la priorità dell’emergenza climatica, rendendo il capoluogo piemontese megafono per tutto il mondo». Queste le parole della sindaca, Chiara Appendino, nel commentare la scelta della città della Mole per l’appuntamento di agosto.

«Un risultato che si deve al grande lavoro del gruppo Fridays for Future Torino in cui la città ha creduto sin dall’inizio», ha aggiunto la prima cittadina.

Leggi anche: