Siracusa, il fair play del karateka di 10 anni: vince l’oro per un errore di calcolo e cede la medaglia alla vera vincitrice

A causa di un errore di calcolo del punteggio da parte della giuria il piccolo vincitore, accortosi dell’errore, ha ceduto la medaglia alla seconda classificata, reale vincitrice della rassegna

Giorgio Torrisi, bambino siciliano di 10 anni e cintura nera di karate, non avrà aggiunto un’altra medaglia d’oro tra i propri trofei, ma di certo ha vinto l’oro in fatto di fair play. 

Il giovane karateka, infatti, al termine della settima edizione dell’International Edukarate svoltasi in provincia di Siracusa, è stato premiato come vincitore del torneo nella categoria, che ha visto sfidarsi 350 bambini provenienti da tutta la Sicilia. 

La vittoria del piccolo karateka si è rivelata tuttavia frutto di un banale errore di calcolo da parte dei giudici, perché Giorgio Torrisi si è classificato tra i migliori della competizione, ma al secondo posto. 

E notato l’errore del calcolo della giuria, Giorgio si è sfilato la medaglia per consegnarla a Carlotta Bartolo, 11 anni, arrivata inizialmente seconda, ma effettiva vincitrice della gara. 

«Mio figlio è abituato a vincere, ma anche a perdere con umiltà – ha raccontato la madre del giovane karateka – perché è questo che insegno ai miei figli. Ho spiegato a Giorgio che c’è stato un errore e ha voluto consegnare la medaglia a chi l’ha meritata al suo posto. L’onestà è la prima cosa nella vita». 

«Come ente promuoviamo i valori sociali ed educativi, al di la di quelli agonistici – ha commentato elogiando il gesto Salvo Filippello, organizzatore della competizione – Vuol dire che abbiamo seminato bene. Il nostro obiettivo è creare grandi uomini, più che grandi campioni».

Leggi anche: