Bere o guidare: non esistono alternative, ricordiamocelo anche durante le feste

Tre concetti e tre app che bisogna conoscere per arrivare preparati al momento della scelta: «Brindo all’anno nuovo o mi metto alla guida per andare a festeggiare il 2020 in discoteca?»

È una regola che vale tutto l’anno, ma diventa sempre più necessario parlarne quando i brindisi per le festività natalizie e per l’anno nuovo sono una tradizione alla quale è difficile rinunciare.

Per la sicurezza di tutti, è necessario ricordare che l’alcol altera le capacità di guida e che mettersi al volante dopo un paio di bicchieri di Franciacorta mette a repentaglio la vita di conducente, passeggeri e di chiunque sia per strada in quel momento.

L’automobile, invenzione che ha rivoluzionato le vite di miliardi di persone, si trasforma facilmente in pericolo se a utilizzarla è un individuo che non ha pieno possesso delle proprie capacità psicofisiche.

Vademecum: tre concetti

Tra le società, le associazioni e le persone attive nel sensibilizzare i possessori di un veicolo, la piattaforma di vendita auto automobile.it ha stilato una lista di concetti che ogni guidatore dovrebbe possedere.

1. Tasso alcolemico

Quando si parla di tasso alcolemico si intende la concentrazione di etanolo presente nel sangue che, in base alla normativa vigente in Italia, ha un limite consentito di 0,5 g/litro, oltre il quale si commette un reato per “guida in stato di ebbrezza”.

2. Sanzioni

La guida in stato di ebbrezza comporta sanzioni e pene crescenti in base alla gravità e al livello di superamento del limite legale del tasso alcolemico consentito:

  • Chi viene fermato alla guida di una vettura in stato di ebbrezza con un tasso tra 0,5 e 0,8 g/l rischia un’ammenda da 500 a 2.000 euro e la sospensione della patente da 3 a 6 mesi;
  • Se l’esame del tasso alcolemico è invece tra 0,8 e 1,5 g/l, si rischia una sanzione da 800 a 3.200 euro, l’arresto fino a 6 mesi e la sospensione patente da 6 mesi ad 1 anno;
  • Sanzioni ben più severe attendono chi viene trovato alla guida con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l. L’importo dell’ammenda varia da un minimo di 1.500 ad un massimo di 6.000 euro. La durata dell’arresto va da 6 mesi a un anno, la sospensione della patente può essere disposta per un periodo minimo di un anno fino a un massimo di due anni. È previsto anche il sequestro preventivo e la confisca del veicolo, salvo appartenga a persona estranea al reato.

Le pene previste dal Codice della Strada raddoppiano se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale. Le sanzioni si inaspriscono nel caso il conducente sia neopatentato.

3. Alcoltest

L’accertamento alcolimetrico è eseguito tramite etilometro, dispositivo che misura la quantità di alcol contenuta nell’aria espirata. L’esame viene ripetuto due volte, effettuando due misurazioni successive a distanza di 5 minuti l’una dall’altra.

Il rifiuto di sottoporsi all’alcoltest è un reato punito con la perdita di 10 punti della patente di guida e con le stesse pene previste per chi guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l. Anche in sede di processo il giudice può desumere, dal rifiuto dell’interessato di sottoporsi all’alcoltest, la sussistenza dello stato di alterazione psicofisica derivante dall’assunzione di alcol.

Tre app utili prima di mettersi alla guida

Ci sono molte app disponibili sia per iOS sia per Android che sono in grado di stimare la concentrazione di etanolo presente nel sangue. Ecco una selezione: può essere utile, dopo un abbuffata e un “cin cin”, avere uno strumento a portata di smartphone per calcolare più o meno accuratamente il tasso alcolemico:

  • AlcoDroid: quest’applicazione permette di impostare il peso e aggiungere i vari alcolici consumati. Fornisce una stima dell’alcol in circolo e dell’ora in cui è possibile rimettersi alla guida;
  • Etilometro: totalmente in lingua italiana, l’applicazione ha tutte le opzioni utili per stimare il tasso alcolemico. È possibile impostare il peso, il sesso, se è stato consumato cibo o no, l’intervallo di tempo e la quantità di alcol assunto;
  • SoberApp: le funzionalità di base consentono di impostare i propri dati fisici e cosa si è bevuto. L’aspetto interessante di quest’app è che permette di selezionare ciò che si è consumato da una lista completa dei maggiori alcolici in commercio con relativo tasso alcolico, utile specialmente per il consumo di birre che hanno diversa gradazione.

Leggi anche: