Minorenni in fuga, in 784 sui treni nel 2019. La polfer: «Scappano da affetti familiari o insuccessi scolastici»

«Si tratta principalmente di ragazzini di nazionalità italiana, e l’età della piccola fuga è notevolmente diminuita», osserva il direttore della Polizia Ferroviaria

Su 869 persone scomparse e rintracciate nel 2019 sui treni o nelle stazioni italiane, ben 784 hanno meno di 18 anni. Sono questi i dati che più saltano all’occhio tra quelli presentati oggi dalla Polizia ferroviaria per il bilancio del 2019 delle attività di controllo delle stazioni e dei treni italiani. 

«Si tratta principalmente di ragazzini di nazionalità italiana, e l’età della piccola fuga dagli affetti familiari o dagli insuccessi scolastici, è notevolmente diminuita: parliamo ormai di dodicenni e tredicenni rintracciati sui binari, o a ridosso delle stazioni», spiega il direttore della Polfer Maurizio Improta. 

«Tantissimi sono quelli rintracciati nelle grandi stazioni del Nord Italia – prosegue il direttore della Polizia Ferroviaria – Nel 2019, la Liguria è stata una delle regioni nelle quali abbiano avuto più casi di minori scomparsi». «Non dobbiamo dimenticarci che ad attrarre i ragazzini – prosegue il direttore Improta – sono le stesse stazioni, trasformatesi ormai in veri e propri centri commerciali e punti di incontro».

Oltre un milione e mezzo di controlli nel 2019: il bilancio

L’alto numero di minori rintracciati sui treni o nelle stazioni italiane è anche legato all’aumento del numero dei controlli effettuati dalla Polfer: sono stati infatti condotti 1.663.692 controlli (+26% rispetto al 2018), quasi 300 al giorno, effettuati da 49mila agenti della Polfer sui convogli regionali sia sui treni ad alta velocità e da 192mila pattuglie presenti invece nelle stazioni. 

Nel bilancio complessivo del 2019 dell’attività della Polizia Ferroviaria emergono altresì 14mila interventi contro i borseggiatori, e l’intensificazione esponenziale dei controlli antidroga. Rispetto al 2018, nel 2019 la Polfer registra infatti un +471% nel sequestro di cocaina, un +80% nel sequestro di eroina e un +90% nel sequestro di hashish. Infine, 2.480 sono stati gli stranieri in posizione irregolare intercettati e fermati sui treni italiani.

Leggi anche:

Foto copertina: Ansa / Polizia di Stato