Raid Usa in Afghanistan: ucciso un comandante dei talebani

Nel raid, avvenuto vicino a Shindand, sarebbero morti anche otto civili

Sul fronte iraniano gli Stati Uniti sembrano davvero essere convinti a trovare un compromesso che porti alla pace. Proprio oggi l’ambasciatrice americana alle Nazioni Unite Kelly Craft in una lettera inviata al Consiglio di sicurezza dell’Onu ha dichiarato: «Gli Usa sono pronti a impegnarsi senza precondizioni in seri negoziati con l’Iran».

Continua invece l’impegno Usa in Afghanistan dove un comandante chiave dei talebani, Mullah Nangyalai, è stato ucciso in un raid condotto dagli americani. Insieme a lui sono morti nell’attacco altri 15 miliziani.

Nel raid, avvenuto vicino a Shindand, sarebbero morti anche otto civili. «Le forze Usa nel Paese, su richiesta delle forze di sicurezza afghane, hanno eseguito un attacco aereo difensivo coordinato a supporto delle forze afghane a Shindand, Herat, l’8 gennaio 2020», ha confermato un portavoce militare americano.

Leggi anche: