La foto del presunto agente con la pistola in mano e il tweet sulle Sardine: partono le indagini

Un utente, forse un agente, pubblica una foto con la pistola in mano scrivendo un tweet sulle Sardine. Partono le indagini

Il 16 gennaio 2020 l’utente @Cllaudio80 pubblica un tweet in cui scrive «Ragazzi vi posto questa mia foto in un’operazione svolta proprio in quel di Bologna dove tra sardine centri sociali tossici e popolazione poco collaborativa non è proprio una passeggiata di salute. Vi abbraccio Amici». La foto, in bianco e nero, mostra un agente delle forze dell’ordine in borghese all’interno di un ufficio con una pistola in mano.


Un tweet e una foto che violerebbero le disposizioni presentate dal capo della Polizia di Stato, Franco Gabrielli, sull’uso dei social network da parte degli agenti.

Nel frattempo il tweet è stato segnalato alle autorità e si apprende che in questo momento la Digos di Bologna e la Polizia Postale stanno svolgendo le indagini necessarie per l’identificazione dell’utente e verificare l’autenticità del profilo.

Foto sue o non sue?

Destano sospetto le foto pubblicate dall’account dove l’utente si spaccia per poliziotto, in gran parte sostenitrice delle forze dell’ordine come Polizia e Carabinieri.

In alcuni casi sostiene di pubblicare le foto di quello che sarebbe suo figlio, ma sono foto ritagliate da altre che circolano online:

O la foto della Garbatella, tagliata da quella in vendita online:

I tweet pubblicati, in particolare le foto, sembrano un continuo susseguirsi di «buongiornissimo kaffeeee», «buonanotte a domani» e «un abbraccio amici» utili a fidelizzare un pubblico che crede sia un agente che «comunica con la gente del web».

Sullo stesso tema: