Più di un miliardo di smartphone Android sono a rischio hacking

Gli esperti sottolineano quanto sia «preoccupante che dispositivi così costosi abbiano una vita così breve»

Il problema è semplice: molti dispositivi ancora sul mercato e in uso hanno smesso di supportare gli aggiornamenti di sicurezza del sistema operativo Android. Una rapida obsolescenza degli smartphone che espone i singoli proprietari a rischio di hacking.

È il risultato di un report dell’agenzia di consumatori Which? secondo cui il 40% degli utenti di Android ha smartphone che non supportano gli ultimi aggiornamenti di Google e che quindi non sono in grado di garantire gli standard di sicurezza. Nel mondo, stando agli ultimi dati forniti dall’azienda di Mountain View, ci sono oltre 2,5 miliardi di dispositivi Android attivi.

Si stima che siano oltre un miliardo i dispositivi a rischio. «È molto preoccupante che i cellulari che supportano Android, alcuni anche costosi, durino così poco prima di perdere il supporto di sicurezza, lasciando così milioni di utenti esposti a rischio di hackeraggio», si legge nel rapporto.

Google, proprietaria del sistema operativo Android, ha risposto così alla pubblicazione dell’indagine: «Forniamo aggiornamenti di sicurezza con correzioni di bug e altre protezioni ogni mese e lavoriamo continuamente con i partner hardware per garantire agli utenti Android un’esperienza veloce e sicura con i loro dispositivi».

Sullo stesso tema: