La minaccia ad Alessandra Mussolini in un pacco da Leroy Merlin: «Fascista di m…» con un pupazzo a testa in giù

L’episodio, riportato da Repubblica, risale al 5 giugno scorso. L’avvocato: “episodio gravissimo”

Un foglio con la scritta «Fascista di m…» e un disegno con un pupazzo a testa in giù, chiaro riferimento alla sorte di Benito Mussolini e a quanto avvenuto a Piazzale Loreto il 29 aprile del 1945. L’episodio grave, riportato da la Repubblica, è accaduto alcuni giorni fa ad Alessandra Mussolini, dopo aver ricevuto a domicilio dei mobili acquistati presso il punto vendita Leroy Merlin a Porta di Roma.

Il legale, Federico Vecchio, ha spiegato che l’acquisto è avvenuto l’1 giugno, mentre il 5 c’è stata la consegna da parte della Lacchi spa, società incaricata da Leroy Merlin. Ed è all’interno di uno degli scatoloni che è stata fatta la scoperta. L’avvocato, che ha definito «gravissimo» l’episodio, oltre che una «minaccia preoccupante» , starebbe procedendo per ottenere un risarcimento.

Alessandra Mussolini ha denunciato tutto alle forze dell’ordine e Leroy Merlin, da parte sua, ha fatto sapere di essere dispiaciuta per quanto accaduto, dissociandosi e condannando l’episodio. L’azienda ha inoltre riferito di aver avviato un’indagine interna.

Leggi anche