Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Cristoforetti sarà la prima donna europea a capo della Stazione Spaziale. Palazzo Chigi: «La bandiera italiana sventola più in alto»

Il volo partirà dalla Florida con la navicella Crew Dragon dell’azienda SpaceX, fondata da Elon Musk

L’astronauta italiana Samantha Cristoforetti si prepara ad andare in orbita. Il prossimo anno, nel 2022, Cristoforetti sarà la prima donna europea – e terza al mondo dopo due americane – a ricoprire l’incarico di comandante della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Il lancio, di cui non si conosce ancora la data, avverrà dagli Stati Uniti con la navicella Crew Dragon di SpaceX, l’azienda aerospaziale fondata da Elon Musk. Il lancio avverrà dalla stazione della Florida insieme agli astronauti della Nasa Kjell Lindgren e Bob Hines. «Tornare alla Stazione Spaziale Internazionale per rappresentare l’Europa è di per sé un onore», ha detto Cristoforetti. Nel 2022, l’astronauta italiana sarà il quinto comandante della Stazione Spaziale Internazionale appartenente all’Esa.


«Sono onorata della mia nomina alla posizione di comandante e non vedo l’ora di attingere all’esperienza che ho acquisito nello Spazio e sulla Terra per guidare una squadra molto capace in orbita». Josef Aschbacher, direttore Generale dell’Esa, ha dichiarato: «La nomina di Samantha al ruolo di comandante della Stazione Spaziale Internazionale è un’ispirazione per un’intera generazione che sta attualmente facendo domanda per unirsi al corpo degli astronauti dell’Esa. Non vedo l’ora di incontrare i candidati finali e colgo l’occasione per incoraggiare ancora una volta le donne a candidarsi». 


Palazzo Chigi: «La bandiera italiana sventola sempre più alta»

L’account ufficiale di Palazzo Chigi si è complimentato con l’astronauta italiana: «La prima donna europea al comando della Stazione spaziale internazionale è la nostra Samantha Cristoforetti. Sventola sempre più in alto la bandiera dell’Italia». E le congratulazioni arrivano anche da Luca Parmisano che tra il 2019 e il 2020 è stato il primo italiano a ricoprire l’incarico di comandante della Iss: «Incarico meritatissimo! In bocca al lupo».

Leggi anche: