Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il Doodle di oggi è dedicato agli 80 anni di Stephen Hawking. E si può ascoltare ancora la sua voce

In un video di due minuti realizzato in pixel art viene raccontata tutta la vita dello scienziato, dalla diagnosi della malattia alle scoperte scientifiche

La voce è la stessa. All’inizio sembra solo un’impressione ma andando avanti con il video ci si accorge che la cadenza e la tecnologia con cui è stata riprodotta sono perfettamente identiche. Oggi Stephen Hawking avrebbe compiuto 80 anni, una ricorrenza che Google ha deciso di celebrare con un Doodle dedicato all’astrofisico. Lo scienziato è scomparso il 14 marzo del 2018 a Cambridge, non lontano dal campus dove aveva insegnato dalla stessa cattedra che fu di Isaac Newton. Il Doodle è un video realizzato tutto in pixel art, un lavoro digitale dal sapore un po’ retrò che ricorda i primi videogiochi a colori. In pochi minuti viene ripercorsa la storia della sua vita, dalla malattia – con una sequenza in cui mostra la fatica di camminare che diventa sempre più evidente – agli studi sul tempo e sullo spazio che lo hanno reso una delle figure più autorevoli nell’astrofisica.


Per poter usare una voce che avesse lo stesso timbro di quella scelta da Hawking gli sviluppatori di Google hanno chiesto il permesso alla famiglia. I suoi figli hanno accolto subito la la proposta, come hanno spiegato in un comunicato stampa: «Nostro padre avrebbe trovato importante dimostrare che non ha mai permesso alla sua condizione fisica di limitare il suo potere di espressione e nemmeno la sua determinazione ad avere un impatto sul mondo in cui viveva. Speriamo che il suo esempio offra ispirazione e speranza a tutti coloro che nel mondo stanno affrontano grandi sfide in questo momento difficile». Dopo le sue apparizioni in un brano dei Pink Floyd, in episodi di Star Trek, Simpson, Futurama e Big Bang Theory essere un protagonista di un Doodle è solo la sua più recente, e difficilmente ultima, apparizione nella cultura pop.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: