Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Aperitivo sul ghiacciaio e volo in elicottero, la gita di Chiara Ferragni indigna il web ecologista: «Menefreghismo di chi vive nel lusso»

«Il ghiaccio non è mai stato cosi poco come in quest’anno e lei va a berci lo champagne con l’elicottero. La crisi climatica è roba per poveri», si sfogano gli utenti sui social

Una gita domenicale in Svizzera e un aperitivo da consumare comodamente attorno a una tavola allestita su un ghiacciaio. L’ennesima avventura da mille e una notte documentata sui social da Chiara Ferragni (la story non è più visibile sul suo profilo) ha indignato non pochi utenti, soprattutto quelli più attenti alla salvaguardia dell’ambiente. Una scelta da parte dell’imprenditrice digitale considerata decisamente poco eco friendly sia per le emissioni dei due elicotteri che hanno portato la comitiva di amici fin sopra il ghiacciaio sia per la scelta di bere la coppa di champagne proprio in uno degli ambienti considerati più a rischio anche a causa delle emissioni di CO2. L’evento tra amici organizzato dall’imprenditore Filippo Fiora a cui hanno preso parte anche Ferragni e l’influencer Chiara Biasi è stato segnalato da decine di utenti come inadatto «al momento storico che stiamo vivendo» e criticato, tra gli altri, dalla pagina Instagram Jetdeiricchi. «Chiara Ferragni che fa aperitivo sul ghiaccio andandoci con l’elicottero (ghiaccio mai stato così poco come quest’anno) è il motivo per cui crisi climatica = lotta di classe. Siamo noi nella merda, loro faranno aperitivi pure galleggiando sulle alluvioni», dice un utente su Twitter. E ancora: «Dovrebbe avere la grazia di fare come fece dopo quelle brutte scene al supermercato, chiedere scusa per la superficialità con cui prende un elicottero per andare a fare un c***zo di aperitivo su un ghiacciaio, mentre noi manco la pasta possiamo cuocere», commenta un’altra utente facendo riferimento al compleanno di Fedez festeggiato anni fa in un supermercato con tanto di lancio di frutta e ortaggi.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: