È morto Renato Balestra, il maestro dell’alta moda italiana aveva 98 anni

A dare la notizia sono state le figlie Fabiana e Federica insieme alla nipote Sofia. A loro andrà la gestione del marchio fondato dallo stilista

Maestro di stile e decano dell’alta moda italiana, Renato Balestra è morto a Roma all’età di 98 anni. Ad annunciarlo all’agenzia di stampa Ansa sono state le figlie Fabiana e Federica insieme alla nipote Sofia. A loro andrà la gestione dell’importante marchio fondato dallo stilista. I funerali si terranno martedì 29 novembre nella Chiesa di Santa Maria del Popolo a Roma. Nato a Trieste da una famiglia di ingegneri e architetti, il giovane Balestra ha sempre dedicato molto tempo alla sua parte più creativa producendo musica, realizzando dipinti e approfondendo il mondo della scenografia. La sua carriera nella moda comincia da un’intuizione dei suoi amici più cari che inviano uno dei suoi disegni al Centro Italiano della Moda. Il talento di Balestra viene subito notato. Nel 1953 abbandona gli studi di ingegneria e completa il suo apprendistato nell’atelier di Jole Veneziani. Da lì una carriera folgorante che ha consacrato lo stilista come uno dei principali decani dell’alta moda italiana. Tra le sue intuizioni vincenti il “Blu Balestra” che lui stesso raccontò di aver trovato mescolando i colori della sua tavolozza da pittore. «Adoravo molto dipingere e mescolare le nuance. In seguito ho trovato un singolare tono di blu che ho fatto mio. Inserivo sempre in collezione qualche modello di quella tonalità, così i giornalisti hanno cominciato ad identificarlo e a chiamarlo “Blu Balestra”». In una delle sue ultime interviste, al Messaggero, aveva dichiarato di essere ancora alla ricerca di un suo erede artistico ma di aver individuato notevoli talenti nella sua azienda. E ai giovani aveva poi raccomandato: «Nella vita, e soprattutto nel ramo artistico, a volte si trovano delle porte chiuse. Tuttavia, se si hanno talento, forza di volontà e coscienza dei propri meriti, prima o poi si apriranno. E sarà la volta del successo personale».


Continua a leggere su Open


Leggi anche: