Scandalo Balenciaga, le scuse del direttore creativo: «Scelta artistica sbagliata»

Dall’imbracatura fetish dei peluche ai documenti sulla pornografia infantile, gli scatti pubblicitari del noto marchio hanno provocato un’ondata di accuse da tutto il mondo

«Una scelta artistica sbagliata». Così Demna Gvasalia, il direttore creativo di Balenciaga, uno dei brand di alta moda più famosi al mondo, si scusa per le campagne pubblicitarie che hanno associato bambini a elementi di bondage, sottolineando la totale sconnessione tra i minori e gli oggetti comparsi negli scatti. «Non è stato appropriato avere bambini in foto che promuovevano oggetti che non hanno nulla a che fare con loro e mi assumo le mie responsabilità», ha tentato di rimediare Gvasalia, dopo le accuse al brand di aver sfruttato sessualmente le immagini dei minori. «Sebbene avessi intenzione di provocare col mio lavoro, non volevo farlo abusando dei minori, è una cosa che condanno. Ho bisogno di imparare da questo, ascolterò e mi impegnerò con le organizzazioni per la protezione dell’infanzia per sapere come posso contribuire a combattere questa terribile realtà», ha continuato lo stilista nella nota ufficiale diffusa su Instagram. I peluche con le imbracature fetish comparsi accanto ai bambini sono stati al centro dell’ondata di polemiche che ha fatto il giro del mondo e che ha costretto il marchio a ritirare foto e prodotti.


Con l’arrivo di Demna Gvasalia nella famosa maison nel 2015, il marchio fondato dallo stilista basco Cristobal Balenciaga a Parigi nel 1937, si è allontanato dal tono aristocratico avuto fino a quel momento per aprirsi a testimonial più popolari come Kim Kardashian, Adidas e Kanye West. Un cambio di rotta trovato anche nello stile più provocatorio e trasgressivo proposto da Gvasalia, apprezzato nel giro di poco tempo in tutto il mondo. Le ultime due campagne pubblicitarie però hanno sollevato non pochi sospetti sullo sfondo pedo pornografico dei lavori del marchio. messaggio. Oltre agli oggetti bondage associati alle figure di minori comparse negli scatti del progetto “Objects“, la collezione di idee regalo per il Natale 2023, altri particolari inquietanti sono comparsi sul set della campagna Garde-Robe 2023. In una foto per Adidas è comparso tra i documenti sparsi su una scrivania il testo della decisione della Corte Suprema in merito alle leggi sulla pornografia infantile. Elementi che hanno sollevato polemiche e accuse soprattutto sul web con centinaia di video di influencer e appassionati impegnati a distruggere e bruciare i prodotti firmati Balenciaga.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: