Roma, vandalizzata con una croce celtica la panchina in memoria di David Sassoli

La denuncia degli esponenti di Italia Viva: «Gesto vergognoso che oltraggia la memoria di un uomo di grande spessore»

È stata vandalizzata oggi 13 dicembre una panchina che a Roma ricorda l’ex presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, scomparso lo scorso gennaio all’età di 65 anni. Su una delle due targhe presenti sulla panchina commemorativa presente in Largo Marchiafava, nel Municipio II della capitale, è inciso il ricordo: «Uniti nella diversità. Dedicato a David Sassoli, presidente del Parlamento europeo (2019-2022)». I vandali hanno cancellato il nome di Sassoli e, a lato, hanno disegnato una croce celtica. Ma non solo. Oltre a vandalizzare la targa, i teppisti hanno imbrattato anche l’altra placca, che presenta le dodici stelle dell’Unione Europea, scrivendo la sigla «Cor» e disegnando una svastica al centro. A denunciare l’accaduto sono stati Valerio Casini e Francesca Leoncini, consiglieri capitolini di Italia Viva, e Marco Dolfi, consigliere di Iv del II Municipio. «Un gesto vergognoso, che oltraggia la memoria di un uomo di grande spessore e che condanniamo fermamente – hanno scritto in una nota congiunta -. Avevamo promosso l’installazione della panchina lo scorso ottobre, un omaggio del nostro territorio ai valori che Sassoli ha rappresentato, con la sua attività politica, e continua a rappresentare ancora oggi». Le scritte oltraggiose sono subito state rimosse: «Abbiamo ripulito velocemente la panchina e non esiteremo a farlo altre volte, se sarà necessario. Purtroppo constatiamo che proprio in quella zona manca l’illuminazione ormai da un mese e che le foglie cadute non vengono raccolte con la frequenza che servirebbe per mantenere puliti gli spazi. Bisogna quindi lavorare per ripristinare quanto prima il decoro dell’intera area, primo deterrente contro mala movida e illegalità».


Foto in copertina: Twitter / @DolfiMarco


Continua a leggere su Open

Leggi anche: