Adidas, Saucony maxi sequestro di scarpe false: il mercato vale 2 milioni di euro

di OPEN

La Guardia di finanza ha trovato in un magazzino nella periferia di Roma 75mila scarpe false  pronte per finire sul mercato. Nella sola provincia della capitale, il giro vale 2 milioni di ero 

Da un controllo casuale di una pattuglia che si aggirava nella periferia sud della Capitale, quartiere Prenestina, è partito un maxi sequestro di scarpe false, provenienti dalla Cina e del tutto identiche alle collezioni autunno-inverno 2018/2019 dei marchi Nike, Adidas, Saucony e Balenciaga, ognuna riprodotta nei minimi dettagli e completa di tutti gli accessori.

 

Insospettiti dal rapido carico merci di due uomini che infilavano colli senza marchio in un furgone già stipato al massimo, i militari delle Fiamme gialle sono entrati nel magazzino alle loro spalle e qui hanno trovato 75mila paia di scarpe, tutte chiuse in scatoloni. Per aggirare controlli e sanzioni, chi ha prodotto le sneakers ha fatto in modo che all'apparenza fossero simili ma non identiche a quelle realizzate dalle case di moda: sulle Adidas ci sono “striscette di congiunzione” che coprono le tre che hanno reso famoso il brand, per le Saucony il logo torna uguale all'originale appena si staccano i tre piccoli cerchietti dalla fascia di pelle a "S" stilizzata che appare in tutti i prodotti della casa americana. Insomma, tutto è pensato perché in pochi secondi, magari prima di metterle in commercio, le scarpe possano tornare identiche a quelle in vendita con prezzi  che generalmente si aggirano attorno ai cento euro.

 

Il mercato di merce contraffatta nella sola zona di Roma e hinterland  vale oltre 2 milioni di euro. I due uomini fermati, un italiano e un bengalese, sono stati denunciati per concorso nei reati di contraffazione, introduzione nello Stato di prodotti con segni falsi e ricettazione.