Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Nasa ha raggiunto il punto più lontano mai esplorato dall’uomo

di OPEN

Si tratta di Ultima Thule, un corpo roccioso che dista 6 miliardi e mezzo di chilometri dal sole, e che è stato fotografato dalla sonda New Horizons

Alle 6:33 del mattino ora italiana, dopo quasi 13 anni nello spazio, la sonda della Nasa New Horizons ha sorvolato Ultima Thule, il corpo celeste più lontano mai esplorato finora dall’uomo: si tratta di un corpo roccioso interamente coperto di ghiaccio, che dista 6,4 miliardi di chilometri dal sole. La sonda gli è passata “vicino”, a 3mila 500 km di distanza, e l’ha fotografato grazie ai suoi potenti telescopi: le prime immagini, in bianco e nero, dovrebbero arrivare nei prossimi giorni.


La traiettoria della sonda New Horizons (Credits/NASA)


photo

“Abbiamo segnato un record – ha commentato il direttore del progetto, Alan Stern, del Southwest Research Institute -. Un veicolo spaziale non aveva mai esplorato prima di oggi qualcosa così distante da noi. Pensate, siamo a 1,6 miliardi di km da Plutone”.

https://twitter.com/statuses/1079973999273226241

Il nome dato al corpo celeste non è casuale. Nella lettura e nella cartografia greca e latina, Thule indicava un’isola lontana del nord Europa (successivamente identificata con l’Islanda, la Groenlandia e, a partire dal XIX secolo, con la Norvegia). Il suo nome è associato metaforicamente a luoghi molto distanti che si trovano oltre i confini del mondo conosciuto. New Horizons è partita poco più di nove anni fa alla volta di Plutone, un pianeta nano che orbita alla periferia del sistema solare.