Ascoli, poliziotti firmano una petizione pro-Salvini: Questura apre un’inchiesta

Due agenti in divisa fotografati mentre partecipavano a un banchetto della Lega. Il senatore Arrigoni: «Atto di generosità e coraggio»

Due poliziotti, un uomo e una donna, sono stati fotografati mentre partecipavano alla raccolta firme #SalviniNonMollaresul caso Diciottia un banchetto della Lega ad Ascoli.La foto dei due dipendenti delle forze dell'ordine è stata pubblicata dal senatore della Lega Paolo Arrigonisu Instagram, che entusiasta aveva commentato: «Nelle Marche anche gli agenti di polizia firmano per sostenere il ministro dell'Interno. Fantastico».

🔴 URGENTE – DA CONDIVIDERE 🔴 Ieri sui miei social ho pubblicato questa foto. La foto di due agenti di polizia che con…

Gepostet von Paolo Arrigoni am Sonntag, 3. Februar 2019

La condivisione della foto ha scatenato molte polemiche, perchéil regolamento vieta che agenti in divisa esprimano il loro pensiero politico. Tanto che laquestura di Ascoli Piceno ha fatto sapere di aver «aperto un'inchiesta amministrativaper l'accertamento dei fatti». I due agenti potrebbero essere sanzionati e sottoposti a procedimento disciplinare.Arrigoni harimosso la foto dal suo profilo Instagram per questioni di privacy, ma su Facebook ha ribadito la sua vicinanza ai due agenti:«Ieri sui miei social ho pubblicato questa foto. La foto di due agenti di polizia che con un atto di generosità e coraggio nelle#Marchehanno voluto sottoscrivere la raccolta firme a sostegno del Ministro dell'Interno Salvini».

Ascoli, poliziotti firmano una petizione pro-Salvini: Questura apre un'inchiesta foto 1

Intanto il partito Possibile ha annunciato di voler presentare una denuncia contro Matteo Salvini, dopo che il vicepremier si era presentato a Montecitorio indossando una divisa della polizia:«Con il suo ingresso in divisa alla Camera dei Deputati Salvini ha letteralmenteprofanato le istituzioni. C’è un luogo in cui nessun corpo armato può entrare: è il Parlamento. Per questo siamo pronti a presentare una denuncia», ha dichiarato Andrea Maestri della Segreteria nazionale di Possibile.