Ilaria Cucchi in Tribunale: «I depistaggi continuano. Sono disgustata»

di OPEN

Così la sorella di Stefano durante l’udienza del processo bis, in cui sono imputati 5 carabinieri

«In questa vicenda si è giocata una partita truccata. Una partita giocata sulle spalle di una famiglia: qui c'è in gioco la credibilità di un intero sistema». Lo ha detto il pm Giovanni Musarò, aprendo l'udienza del processo bis sulla morte di Stefano Cucchi, che vede imputati cinque carabinieri.

Il Pubblico ministero ha depositato altri documenti relativi alle indagini interne fatte nel 2009: gli atti dimostrerebbero che i depistaggi cominciarono da subito, falsati tutti gli elementi raccolti in modo tale da mettere sotto accusa gli agenti della penitenziaria che avevano portato Stefano in aula per la convalida del fermo.

Le dichiarazioni di Ilaria Cucchi

«Da sorella di Stefano e da cittadina sono disgustata – dice Ilaria Cucchi – quello che è successo è spaventoso. I depistaggi sono cominciati subito dopo la morte di Stefano e continuano ancora oggi, in quest'aula di Tribunale, dove abbiamo assistito alla deposizione di un altro ufficiale dei carabinieri che non ricorda nulla».

Leggi anche