Salvini sfotte Rami: «Vuole lo ius soli? Si faccia eleggere e cambi la legge»

«La legge sulla cittadinanza va bene così com’è», ha detto il vicepremier. Rami, uno dei ragazzini coinvolti nei fatti di San Donato. Rami ha origini egiziani e, stando alla legge, potrà avere la cittadinanza solo compiuti i 18 anni

Sono giorni che si discute sulla possibilità di dare la cittadinanza ai ragazzini eroi che hanno sventato una possibile strage a San Donato Milanese. Inevitabilmente, l’attenzione politica ritorna sul dibattito sullo Ius Soli.

Chi non cambia idea è Salvini, che a margine del Forum di Confcommercio a Cernobbio dice: «La legge sulla cittadinanza va bene così com’è».

«Rami vuole lo Ius Soli? Si faccia eleggere e cambi la legge», commenta a un giornalista. Rami è uno dei bambini coinvolti nel dirottamento e nell’incendio del bus guidato da Ousseynou Sy: è figlio di genitori egiziani e potrà avere la cittadinanza soltanto compiuti i 18 anni.

«La legge sulla cittadinanza va bene così com’è», ha continuato il ministro dell’Interno. «Stiamo facendo tutte le verifiche del caso perché prima di fare scelte così importanti bisogna controllare tutto e tutti»..

Il vicepremier è intervenuto anche sulla questione della sicurezza nel Paese: «Se ci sono consigli da qualunque sindaco, da qualunque parlamentare, da qualunque ministro per migliorare la qualità della sicurezza in Italia – ha aggiunto – io sono contento.

«Detto questo, io – ha ribadito il ministro dell’Interno – io lavoro al modello italiano che è uno dei migliori al mondo».

Leggi anche: