L’accusa di Juncker: «Alcuni ministri italiani sono bugiardi»

«Abbiamo dato complessivamente circa 130 miliardi di euro all’Italia, C’è un italiano, uno solo, che lo sa?», ha accusato il presidente della Commissione Europea 

Dopo il colloquio a Palazzo Chigi con il primo ministro italiano Giuseppe Conte, Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea, aveva dichiarato che lo «scambio fosse stato cordiale e costruttivo, come sempre».

«Fra Italia e Commissione Europea c’è un grande amore», parola di Juncker

Juncker, al termine dei colloqui, si è detto preoccupato per l’economia italiana, a causa della continua recessione. La richiesta del presidente della Commissione Ue all’Italia è stata quella di «aumentare gli sforzi supplementari per mantenere in vita la crescita», ha poi aggiunto: «Fra Italia e Commissione Europea c’è un grande amore».

L’attacco di Juncker ad «alcuni ministri italiani»

Oggi, però, questo grande amore pare essere ostacolato da «un certo numero di ministri italiani», definiti dal presidente Juncker «bugiardi». Perché, a detta di Juncker, mentirebbero agli italianisul sostegno dell’Unione Europea all’Italia.

https://twitter.com/statuses/1113117335735414784

«Abbiamo dato 130 miliardi di euro all’Italia, c’è un italiano, uno solo, che lo sa?», accusa il presidente. «No, che non lo sanno, perché un certo numero di ministri italiani che dice il contrario».

I numeri citati da Juncker

«Il piano Juncker ha generato investimenti per più di 63 miliardi di euro, senza contare i fondi strutturali (che ammontano a oltre 44 miliardi)» – ha spiegato il presidente alla radio Euronetplus. Da non dimenticare, infine, «il miliardo di euro stanziati dall’Ue per la gestione delle crisi migratorie».

Video Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev