MONDO :

«Basta film in Georgia». La minaccia di attori e registi contro la nuova legge sull’aborto

Nello Stato repubblicano della Georgia, l’industria del cinema è fonte di grandi guadagni. Ma per via della misura anti aborto che verrà presto firmata, 60 personalità di Hollywood hanno chiesto a Hbo, Sony, Disney, Universal Pictures, Marvel e Netflix di interrompere le produzioni

Nei prossimi giorni il governatore dello Stato americano della Georgia, Brian Kemp, firmerà una nuova legge che vieta alle donne di abortire dopo la sesta settimana. Un periodo sufficiente – è la sua motivazione – affinché si sviluppi il battito cardiaco. Il testo è stato chiamato non a caso Heartbeat Bill, cioè "Legge sul battito del cuore".

Diminuendo da 20 a 6 settimane il periodo in cui è possibile decidere di interrompere una gravidanza, potrebbe accadere che una donna si renda conto di essere incinta quando ormai è troppo tardi per intervenire.

Oltre alle associazioni a difesa dei diritti civili, che hanno già annunciato la loro intenzione di fare ricorso, molti esponenti del mondo dello spettacolo hanno invitato a boicottare lo Stato repubblicano della Gorgia, in cui l'industria del cinema è fonte di grandi guadagni.

Negli ultimi anni, la Georgia si è affermata come set alternativo a Los Angeles e New York per film e serie tv. Il telefilm di Netflix Stranger Things è stato girato in questo Stato, così come The Walking Dead e i due principali blockbuster della Marvel del 2018: Black Panther e l'ultimo Avengers.

https://twitter.com/statuses/1111738838563446785

Decine di attori e attrici, tra cui Alec Baldwin, Mia Farrow e Alyssa Milano che sta girando Insatiable di Netflix, ad Atlanta, hanno firmato una lettera destinata al governatore della Georgia per fermare la legge in questione. Sessanta personalità hanno poi scritto a Hbo, Sony, Disney, Universal Pictures, Marvel e Netflix per chiedere di fermare le produzioni nel Paese. Ieri, in trenta si sono presentati alla sede del governo georgiano per chiedere che Kemp non firmi la legge. Milano ha affermato che «Non permetterà a un uomo di decidere cosa succede nell'utero di una donna».

https://twitter.com/statuses/1113187736431853570

«Non posso smettere di governare perché mi preoccupo di cosa si pensa di me a Hollywood», ha ironicamente affermato Kemp in un'intervista con The Atlanta Journal-Constitution, «Mi sono candidato presentando queste proposte e sono stato eletto con il maggior numero di voti della storia dello Stato della Georgia. Farò quello che ho promesso alla gente».

«Basta film in Georgia». La minaccia di attori e registi contro la nuova legge sull'aborto foto 1

Manifestanti pro-life, 19 gennaio 2019

Non è la prima volta che Hollywood si muove contro la Georgia in reazione a leggi controverse. Un anno fa, un movimento simile si è sviluppato come reazione a una legge anti-lgbtq che avrebbe reso legale la decisione di alcune agenzie di adozione di non lavorare con coppie dello stesso sesso.

«Netflix è un'azienda inclusiva», aveva al tempo affermato un portavoce della compagnia. «Abbiamo recentemente girato due film e una serie in Georgia e avevamo pianificato di girare due serie lì nei prossimi mesi. Se normative che permettono pratiche discriminatorie diventeranno legge di Stato, sposteremo la nostra produzione altrove».