L’ironia della sorte sorprende Trieste: è un ruandese il vincitore della mezza maratona

di Redazione
L'ironia della sorte sorprende Trieste: è un ruandese il vincitore della mezza maratona

Secondo posto per Najibe Salami dell’esercito italiano, e al terzo il keniota Joel Melly

Aveva catalizzato l'attenzione di tutti, la scorsa settimana, la mezza maratona di Trieste. Prima la polemica sull'esclusione degli atleti africani, poi le smentite, la voce dei manager degli atleti e il passo indietro. La situazione aveva poi ritrovato il sereno e così sono stati resi noti i nomi dei top runner che avrebbero partecipato alla gara.

Ironia della sorte, a quella mezza maratona, oggi – 5 maggio -, ha trionfato un africano, il ruandese Noel Hitimana. Secondo posto per Najibe Salami dell’esercito italiano, e al terzo il keniota Joel Melly. Nella gara femminile ha vinto la kazaka Vohla Mazuronak. seguita dall'atleta del Burundi Cavaline Nahimana e dall’italiana Laika Soufyane.

Un'appendice con il lieto fine riguarda la storia di Rita Giancristofaro, l'atleta abruzzese ma triestina d'adozione. È infatti tornata in pista per la prima volta – dopo 264 giorni di assenza - scegliendo appunto la Trieste 24 Halfmarathon, dopo essere rimasta ferita nel crollo del ponte Morandi a Genova.