Akf: in Australia i koala si sono già «funzionalmente» estinti

L’annuncio è stato diffuso dalla «Australian Koala Foundation» (Akf). Ma cosa significa «funzionalmente estinti»?

Secondo la «Australian Koala Foundation» si contano circa 80 mila koala in Australia. Una cifra più preoccupante di quanto si potrebbe immaginare. Nel documento diffuso il 10 maggio scorso i koala vengono definiti infatti già «funzionalmente estinti».

Tra le minacce a cui sono sottoposti continuamente c’è anche la deforestazione. La loro è una dieta molto rigida che dipende quasi del tutto dalle foglie di eucaliptus, generalmente nocive per qualsiasi altro animale.

La presidente della Akf, Deborah Tabart, spiega alle autorità australiane il significato degli ultimi censimenti: 80 mila esemplari corrispondono all’1% rispetto agli otto milioni stimati tra il 1890 e il 1927. I koala attualmente «sopravvissuti» sono quanti quelli spediti nello stesso periodo storico a Londra, uccisi per ricavarne pellicce.

Cos’è una «estinzione funzionale»?

Il termine può essere utilizzato in diverse circostanze. Nel caso trattato parliamo di una specie che ha subito talmente tante perdite da essere incapace di svolgere un ruolo nell’ecosistema in cui vive.

Questo si collega anche alla sorte delle altre specie: gli escrementi di questi marsupiali hanno un ruolo nel riciclo delle sostanze che rendono fertile il suolo; la loro dieta influisce sulla salute degli alberi di eucaliptus; un tempo dovevano essere loro stessi fonte di cibo per certi predatori.

Le responsabilità della politica

A nulla sono valsi gli allarmi che dal 2010 l’associazione indirizza ai 13 ministri dell’Ambiente che si sono succeduti al Governo australiano fino a oggi.

Ho sentito ogni scusa – spiega Tabart – pur di non intervenire e proteggere gli habitat. È tempo che si creino dei cambiamenti per i nostri koala.

L’impressione è proprio quella che, nonostante un interesse iniziale per un piano di recupero nel 2012, in generale la politica australiana trascuri l’emergenza koala. L’attuale legge in vigore sulla «protezione dell’ambiente e la conservazione della bio-diversità» risulta tutt’oggi inadeguata per tutelarli.

Foto di copertina: Pixabay/Esemplare di koala su un albero di eucaliptus.

Leggi anche