Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Master aziendali, la storia di Davide: «Cercavo la concretezza che mi ha permesso di trovare lavoro»

in collaborazione con Eni

Università e lavoro faticano ad allinearsi su una formazione al passo con i tempi: per questo molte società e imprese hanno creato corsi di specializzazioni e master che permettono l’immersione degli studenti in una realtà ben strutturata

Davide Tufano ha 21 anni e lavora come Digital Marketing Specialist all’Humanitas. Si tratta di un istituto ospedaliero del Milanese, eccellenza sanitaria in Italia e in Europa. Davide ha deciso di non terminare gli studi universitari per specializzarsi nel suo ambito attraverso un percorso di studio innovativo e ha scelto Talent Garden Innovation School. Come mai? Ce lo spiega nell’intervista.

Perché hai sentito la necessità di iscriverti a un master aziendale?

Nel mio caso, non avendo terminato un percorso universitario ho sentito l’esigenza di fare un master perché non mi sentivo competente nell’ambito digital al punto di poter intraprendere una nuova strada nel mondo del lavoro.

Ritieni che ci sia un gap tra università e mondo del lavoro che possa essere colmato con questi tipi di studi?

Ritengo che questo tipo di studi, soprattutto in determinati settori, possa offrire a chi vuole intraprendere un percorso lavorativo molta più concretezza rispetto alle università. Inoltre sono più aggiornati e al passo con i tempi, rispetto a quelli più lenti dell’università. Infatti conosco diverse persone che dopo la laurea si sono ritrovati a dover affrontare dei lavori non inerenti con i loro percorsi di studi. L’università dal mio punto di vista è improntata su una visione troppo teorica e ciò porta di conseguenza ad una mancanza di esperienza pratica.

Quali sono i punti di forza di un master svolto fuori dall’ambiente universitario?

Sicuramente uno dei più importanti punti di forza, come già ho detto in precedenza è la concretezza. Nel momento in cui termini un master ti senti pronto ad iniziare un percorso lavorativo grazie alle competenze apprese attraverso esperienze, lavori di gruppo, eventi, esposizioni continue ed insegnamenti mirati. La velocità di apprendimento può essere vista come uno degli altri punti di forza più importanti, dato che in poco tempo si riescono ad apprendere metodi e skill in maniera ottimale, grazie alla struttura organizzativa che sta alla base di questi master.

Davide Tufano, 21 anni, Digital Marketing Specialist all’Humanitas

Continua a leggere su Open

Leggi anche:

Puoi dire che ti ha cambiato la vita frequentarlo?

Assolutamente si! Ho iniziato il master a soli 20 anni e penso sia stata la migliore decisione mai presa prima. Sono cresciuto professionalmente, ma soprattutto mentalmente, ho incontrato tante persone che vedono la realtà dal mio stesso punto di vista e tutto ciò mi ha permesso di capire realmente cosa fare della mia vita.

Quali ritieni siano stati i passi fondamentali che ti hanno permesso di costruire la tua carriera?

Fino ad oggi sono sempre stato me stesso andando anche contro corrente, in fondo ho sempre preso decisioni derivanti dalle mie intuizioni e per ora questo “metodo” mi ha sempre dato grandi soddisfazioni, soprattutto negli ultimi anni. Come in tutti i percorsi, ovviamente ci sono stati anche molti fallimenti, che mi hanno insegnato tanto e che mi hanno fatto capire quanto bisogna essere caparbi e volenterosi per poter raggiungere i propri obiettivi.

Raccontaci, brevemente, cosa fai oggi.

Sto lavorando in Humanitas, una realtà grande ed innovativa. Insieme al resto del team web, mi occupo della gestione di contenuti sui social e sui nostri siti. Realizzo piani editoriali, newsletter e sto iniziando a coordinarmi con un gruppo di giornalisti e medici per la realizzazione di contenuti divulgativi sui siti web Humanitas.

Progetti per il futuro?

Un anno fa, non sapevo dell’esistenza di master del genere, ora lavoro per una grande azienda. Viviamo in un’era dove tutto accade in fretta, non potrei mai immaginare dove sarò tra qualche anno, intanto però continuo a darmi da fare e a puntare sempre più in alto.