Barchino con 37 persone in difficoltà nel Mediterraneo. È stato salvato dai maltesi

L’allarme lanciato in tarda serata: secondo i migranti, il barchino sarebbe partito dalla Libia per poi trovarsi in difficoltà all’altezza della zona Sar maltese

Un barchino con a bordo 37 persone, secondo le ricostruzioni dei migranti, partito dalla Libia e poi in difficoltà all’altezza della zona Sar (Search and Rescue, Ricerca e Soccorso) maltese, è stato salvato dalle unità dell’isola questa mattina, domenica 23 giugno.

Il nuovo allarme nel Mediterraneo Centrale era stato lanciato da Alarm Phone: un’imbarcazione con a bordo una quarantina di persone sarebbe in difficoltà. Alarm Phone spiega – come accade in questi casi – di aver ricevuto l’Sos nella serata di ieri, intorno alle 23. «L’imbarcazione ha lasciato la Libia oltre 23 ore fa, abbiamo allertato le autorità maltesi alle 22.33 e rimaniamo in diretto contatto con le persone a bordo, spiegano su Twitter da Alarm Phone in un primo aggiornamento».

All’1.07 Malta «ha inviato una email di conferma che manderà i soccorsi per le persone in difficoltà», twittano un’ora dopo.

Dei soccorsi, però, per ore – denunciano da Alarm Phone – non c’è traccia: «Dove sono?». Scrive, sempre su Twitter Alarm Phone all’alba di oggi, domenica 23 giugno. «L’imbarcazione è in difficoltà e le persone a bordo sono nel panico. Dicono che alcuni sono vicini alla morte, hanno bisogno immediato di assistenza medica. La situazione è urgente ma Malta non ci informa sulle procedura di ricerca e soccorso. Sono stati avvisati dall’emergenza oltre 6 ore fa».

Alle 8.00, infine, la notizia del salvataggio: le 37 persone a bordo «sono state salvate e verranno portate a Malta. Benvenuti in Europa!».

In copertina Alarm Phone/Twitter

Leggi anche: