Direzione Pd, mandato per trattare con i 5 Stelle. Zingaretti: «Ecco i 5 punti»

Il Partito Democratico vuole mostrare compattezza nell’affrontare la crisi di governo. Dall’ambiente ai temi sociali, il segretario Dem prova a dialogare con i pentastellati

Un governo «di legislatura» oppure si torna al voto: questa la linea approvata dalla direzione del Partito Democratico questa mattina. Una riunione rapida, con i partecipanti che hanno approvato all’unanimità la relazione del segretario Nicola Zingaretti. Il mandato è dunque per provare a trattare con il Movimento 5 Stelle durante questa crisi di governo, che sembra riuscire a ricompattare i Dem.

Video Agenzia Vista

I 5 punti per un accordo con il M5S

  • Appartenenza leale all’Unione europea
  • Pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa, a partire dalla centralità del parlamento
  • Sviluppo basato sulla sostenibilità ambientale
  • Cambio nella gestione dei flussi migratori,con pieno protagonismo dell’Europa
  • Svolta delle ricette economiche e sociali, in chiave redistributiva, che apra una stagione di investimenti

Sono questi i cinque temi indicati da Nicola Zingaretti nella relazione alla direzione del Pd per trattare sulla nascita di un nuovo governo. Assenti due personalità di peso – e agli antipodi – nel Pd: Carlo Calenda e Matteo Renzi. Era stato l’ex segretario ad anticipare l’esito della direzione dem. Ai microfoni della trasmissione Radio Anch’io aveva dichiarato: «Credo che Zingaretti riceverà tranquillamente un forte mandato». I parlamentari più vicini a Matteo Renzi hanno garantito appoggio alla linea di Zingaretti, ma è lo stesso segretario Dem a temere ‘ribaltoni’ se il governo con i 5 Stelle dovesse partire davvero.

Video Agenzia Vista

Secondo numerosi esponenti del Pd, un passo indietro di Giuseppe Conte e Luigi Di Maio potrebbe davvero agevolare la formazione di un nuovo esecutivo. Andrea Orlando, vicinissimo al segretario Dem, ha poi spiegato: «Non è possibile costruire oggi una maggioranza diversa con lo stesso presidente del Consiglio». Tra i più lontani da Matteo Renzi, il deputato Francesco Boccia invita l’ex segretario a fidarsi dell’operato di Zingaretti.

Nel corso della giornata anche gli altri partiti si riuniranno per scegliere la strategia da adottare durante le consultazioni.

Leggi anche: