Mattarella: «Europa cantiere incompiuto». L’intesa con il presidente tedesco: «Momento giusto per collaborare sui migranti»

Nel pomeriggio Steinmeier incontrerà anche il premier Conte

Sergio Mattarella ha ricevuto questa mattina al Quirinale il Presidente della Repubblica Federale di Germania, Frank-Walter Steinmeier, in visita di Stato. All’incontro era presente anche Luigi Di Maio, attuale ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Nel pomeriggio, Steinmeier incontrerà anche il premier Giuseppe Conte.

«L’Unione Europea è certamente un cantiere non ancora compiuto di cui va completata l’architettura proseguendo nel cammino di integrazione», ha detto il Presidente della Repubblica durante l’incontro con la stampa. «Ma è anche vero che sono tanti i benefici che giungono dalla appartenenza alla Ue e che si registrano anche nella vita quotidiana».

Il nodo migrazioni

Uno dei temi caldi dell’incontro è stata la questione migrazioni. «Sul tema delle migrazioni Italia e Germania vogliono e devono collaborare in maniera molto più profonda», ha detto Steinmeier.

«Anche agli altri partner europei dovremo dire che abbiamo fatto molto per la protezione di chi è perseguitato. È importante che l’Italia non sia più lasciata sola ad affrontare questo compito e credo che in Europa si prenderanno iniziative di rilievo: si tratta di trovare soluzioni europee volte ad alleggerire l’Italia».

I contenuti del colloquio istituzionale erano stati anticipati da Steinmeier in un’intervista al Corriere della Sera del 18 settembre, nella quale il presidente tedesco aveva definito il cambio di governo italiano il ritorno in campo dell’Italia in Europa. «Il momento è propizio – aveva detto – e la stretta cooperazione europea tra Italia e Germania sarà necessaria e costruttiva».

«Italia e Germania hanno fatto molto per i migranti giunti attraverso il Mediterraneo», continuava. «È quindi ancora più deplorevole che i due Paesi si siano allontanati l’ uno dall’altro, nel corso dell’ultimo anno e mezzo, proprio nella questione dei rifugiati. Ma è certo che con il nuovo governo italiano ci siano i presupposti per lavorare a soluzioni comuni».

La visita di Stato di Steinmeier, accompagnato dalla moglie Elke Büdenbender, prevede domani una tappa a Napoli.

Leggi anche: