Renzi mette Conte nel mirino: avanti a governare con o senza di lui

L’ultima frecciata dell’ex premier all’attuale capo del governo. Per il leader di Italia viva, Conte non è indispensabile. Ma non è una «questione personale»

Matteo Renzi continua a picconare dall’esterno il governo. Ma se nei giorni scorsi lo aveva fatto soprattutto perché vengano soppresse alcune tasse presenti fin qui nella manovra, dalla plastic tax all’imposta sulle auto aziendali, oggi il leader di Italia Viva lancia un avvertimento a Giuseppe Conte.

Intervistato da Barbara Jerkov per il Messaggero, Renzi si vede domandare: «Lei ama ripetere che la legislatura deve andare avanti, ma non dice se con o senza Conte premier. Lo vuole chiarire qui?».

La risposta è gelida: «Dipende da come funziona il governo, non da me. Niente di personale, sia chiaro: a me sta a cuore l’Italia, non il futuro dell’avvocato Conte».

Ma poi l’affondo si fa molto più duro: «Conte è stato il premier di una maggioranza che ha azzerato la crescita in Italia: per una serie di motivi oggi si ritrova premier anche della maggioranza alternativa. Qualcuno degli alleati, che confonde i sondaggi con la politica, lo immagina anche candidato leader alle prossime elezioni. Io però ragiono diversamente».

Come? «Gli do una mano oggi e non mi faccio film su domani. Che cosa abbia in testa Conte per domani mi è indifferente. Basta che adesso pensi a lavorare per il bene del paese». Uomo avvisato…

Leggi anche: