Chi è Lindsay Hoyle, il nuovo speaker della camera dei Comuni erede di Bercow

Laburista eletto in un collegio pro-Brexit, lodato da Johnson per la sua imparzialità e fan di Lady D

Le dimissioni di John Bercow sono state difficili da accettare per tutti quelli che si erano affezionati alle sue cravatte e ai suoi caratteristici richiami all’ordine. Ma è tempo di darsi pace: dopo 10 anni, la Camera dei Comuni britannica ha un nuovo speaker: è sir Lindsay Hoyle.

Il sessantaduenne è laburista, ma è stato eletto da un’assemblea a maggioranza pro-Brexit, al quarto scrutinio con 325 voti. Era vice di Bercow dal 2010 e si era già dimostrato fermo e deciso, oltre che fervente ammiratore della defunta lady Diana. A lei aveva provato a intitolare un ospedale o l’aeroporto di Heathrow.

Noto per essere super partes sia in Parlamento, che all’interno dello stesso Labour Party, anche Boris Johnson si è congratulato per l’imparzialità del nuovo speaker dopo la sua elezione. I suoi contrasti più celebri sono quelli con Tony Blair negli anni ’90, a cui contestò l’introduzione delle rette universitarie e l’espansione dell’istruzione a pagamento nel Paese.

Deputato dal 1997, il politico del Lancashire è figlio d’arte: il padre Doug, novantenne, siede ancora alla Camera dei Lord. Sposato due volte, nel 1989 ha avuto anche una figlia da una terza donna, Miriam Lewis, allora avversaria politica e consigliera locale Tory nella sua stessa contea e morta a soli 28 anni.

I candidati alla posizione erano sette, ma a contendersi il titolo erano rimasti oggi l’altra vice speaker uscente, la conservatrice Eleanor Laing e il deputato laburista Chris Bryant, ex pastore anglicano entrato in Parlamento dopo aver lasciato l’abito ecclesiastico e aver fatto coming out.

Il nuovo speaker officerà le sue funzioni per soli due giorni prima che il Parlamento inglese venga sciolto in vista delle elezioni che si terranno nel Regno Unito il 6 dicembre. Per una sorta di etichetta parlamentare però, Hoyle avrà grosse probabilità di essere rieletto.

Leggi anche: