ArcelorMittal, anche Fico all’attacco: «Risposta unitaria dello Stato. La multinazionale non può fare quello che vuole» – Il video

«Una multinazionale non può stralciare un contratto, in questo modo semplicistico», dice il presidente della Camera

«Certo che sono preoccupato per la situazione dell’ex Ilva a Taranto. Tutta Italia lo deve essere». Lo dice il presidente della Camera Roberto Fico davanti a palazzo Chigi mentre è in corso l’incontro tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte con i sindacati e gli enti locali sul caso ArcelorMittal, che continua a inchiodare l’attenzione della politica e del Paese.

Conte sta incontrando in questi minuti il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti, il sindaco della città, Rinaldo Melucci, i primi cittadini dei comuni della zona e i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Usb, Fiom Cgil, Fim Cisl, Uilm Uil e Confindustria. L’incontro è cominciato intorno alle 18.30, con un’ora e 30 minuti di ritardo dall’inizio previsto.

«Una multinazionale non può stralciare un contratto, in questo modo semplicistico», attacca Fico. «Lo Stato deve essere molto duro. Sullo scudo penale stanno lavorando il governo e il Parlamento. Ma non è possibile che una multinazionale, qualunque essa sia, operi in questo modo. Non è serio: avevano tutti gli indicatori specifici per comprendere la situazione». La battaglia legale? «Vedremo. Questo è il momento dell’unità dello Stato. Questa azienda non può fare quello che vuole». 

In copertina il presidente della Camera Roberto Fico, in una immagine del 31 ottobre 2019. ANSA/Cesare Abbate

Leggi anche: