Anniversario della mobilitazione dei Gilet gialli: scontri tra manifestanti e polizia

Alle 18, la polizia parigina ha fatto sapere che erano già state fermate 113 persone

È stato il ritorno del caos a segnare l’anniversario della mobilitazione dei gilet gialli, avvenuto il 16 novembre. Soprattutto a Parigi, i manifestanti si sono scontrati con la polizia. Hanno dato fuoco a qualche barricata e transenna e hanno addirittura provato a bloccare la circonvallazione esterna. La polizia li ha sgomberati e usato gas lacrimogeni laddove si è manifestata della tensione. Alle 18, la polizia parigina ha fatto sapere che erano già state fermate 113 persone.


Foto: Epa

Per il loro primo “compleanno” i Gilet Gialli sono tornati in piazza. Ma non sugli Champs Elysées, epicentro degli scontri, che sono stati chiusi alla circolazione. Per rilanciare un movimento rimasto in sordina negli ultimi mesi i leader dei gilets jaunes hanno deciso di convocare 270 diverse manifestazioni in tutta la Francia per questo cinquantatreesimo atto delle proteste.

Il fulcro dell’attività è Parigi, dove la polizia ha ordinato di chiudere diverse fermate della metro e stazioni dei treni regionali.

Le proteste dei gilet gialli di questo sabato, giorno tradizionale di manifestazione, vogliono ricordare all’Eliseo che il movimento rimane una forza con cui ci si deve confrontare e rappresentano un’occasione per far ripartire la protesta, cominciata il 17 novembre 2018, con una massiccia protesta che ha portato in strada a Parigi quasi 300 mila persone.

Foto: Epa

Il viceministro dell’Interno, Laurent Nunez, aveva già avvisato che si era registrato «un maggiore interesse» nelle iniziative dei Gilet gialli, rispetto alle settimane passate. ​Secondo un sondaggio dell’​Odoxa-Dentsu Consulting, pubblicato il 15 novembre dal quotidiano Le Figaro, nonostante la partecipazione sia in calo, i Gilet gialli godono ancora del sostegno di 2 francesi su 3.

Foto: Epa

Sullo stesso tema: