Zalando presa d’assalto dai razzisti dei social

«Perché il modello è neg*o quando in Italia siamo tutti bianchi?»

Nonostante il post sia di fine agosto, è diventato virale in autunno – per le ragioni più sbagliate. Zalando, e-commerce di vestiario con sede a Berlino, pubblicizza la sua app su Twitter con la fotografia di un modello. Il tweet non va giù ad alcuni user.

Il problema non è la moda, o la qualità del capo, o la funzionalità dell’applicazione, ma il colore della pelle del ragazzo fotografato. È un assalto via social: «Neg*o», «Vendete in Africa», «Avete sbagliato continente». A quanto pare una compagnia che spedisce vestiti in tutto il mondo è tenuta a lavorare solo con modelli molto specifici: «Avete perso un cliente, mai più soldi a chi preferisce i neg*i» uno dei commenti più assurdi.

Ed è soltanto un campione degli insulti razzisti raccolti e segnalati da Il Signor Distruggere, alter ego virtuale di Vincenzo Maisto.

Al primo post di segnalazione di Maisto ne ha fatto seguito un altro, relativo a un secondo tweet dell’azienda. Questa volta la vittima è una modella, bersagliata in maniera analogamente discriminatoria – a certi user sembra scontato che una modella «italiana» debba essere bianca.

In attesa di una risposta dell’azienda, c’è già che si è speso in difesa dei modelli: «Il problema in Italia non sono le modelle di colore, ma le persone razziste e ignoranti come te», una delle tante risposte ai tweet offensivi.

Sullo stesso tema: