Tesla, Elon Musk: «Ecco perché la presentazione del Cybertruck è andata storta…»

«Avrei dovuto lanciare la palla d’acciaio contro i finestrini prima di martellare la portiera», si è rammaricato Musk su Twitter

È stato un momento molto imbarazzante per Elon Musk quando, durante la presentazione del Cybertruck – il pick up elettrico di Tesla – anziché dimostrare che la macchina fosse «davvero resistente» come ripeteva Musk, il lancio di una palla di acciaio ha frantumato due finestrini antiproiettile.

Il fondatore di Tesla è stato costretto a proseguire il resto della presentazione con la macchina dai vetri rotti sullo sfondo. Sul momento ci ha scherzato su ma in seguito – dopo aver annunciato su Twitter che il 23 novembre gli ordini erano già a quota 146mila – Musk ha fornito una sua spiegazione.

I vetri si sarebbero rotti a causa delle martellate sferzate contro il guscio metallico della macchina prima della “prova finestrini”, sempre per dimostrare quanto fosse resistente.

Anche se la fiancata della macchina ha retto l’impatto, le martellate avrebbero causato delle crepe alla base dei finestrini, indebolendoli a tal punto da renderli incapaci di resistere all’urto della palla d’acciaio (nonostante – in teoria – fossero veti antiproiettile).

«Avrei dovuto lanciare la palla d’acciaio contro i finestrini *prima* di martellare la portiera», si è rammaricato Musk su Twitter: «La prossima volta…» (in seguito Musk ha condiviso un altro video online in cui l’esperimento va a buon fine).

Fornita una spiegazione, Musk ne ha aggiunta un’altra. Il “corpo” della macchina sarebbe composto di acciaio inossidabile, lo stesso usato per costruire i razzi dell’altra sua compagnia, Space X. Si tratta di un materiale troppo duro per poter essere plasmato e arrotondato. Da qui la forma angolare della macchina che gli è costata molte critiche online. Un “pick up” da guidare su Marte, aveva scherzato in precedenza Musk.

Photo Credits: TeslaLive / YouTube

Leggi anche: