Conte al braccio di ferro sul Mes: «C’è ancora da lavorare». Il duro intervento alla cena con i leader Ue

«Con il nuovo anno l’Italia si farà promotrice di un rilancio sul negoziato dell’Unione bancaria», ha detto il premier da Bruxelles

Da Bruxelles il premier Giuseppe Conte, arrivato ieri per l’Eurosummit, prova ad alzare la voce sul meccanismo di stabilità e chiede una modifica del punto 2 delle conclusioni: «In modo da dare atto che c’è ancora da lavorare per la revisione del Mes».

La modifica chiesta da Conte è di inserire il passaggio: «Chiediamo all’Eurogruppo di continuare a lavorare al pacchetto di riforme del’ESM…», modificando così la dichiarazione «Chiediamo all’Eurogruppo di finalizzare il lavoro tecnico riguardante il pacchetto di riforme…».

Come annunciato ieri dallo stesso Conte in questi giorni non è prevista nessuna firma del fondo salva stati perché «come da risoluzione del Parlamento noi puntiamo ancora a migliorarlo su aspetti per nulla secondari», aveva detto ribadito il Presidente del consiglio.

Conte ha valutato anche lo stato raggiunto nell’ambito del processo di completamento dell’Unione Economica e Bancaria. Ha incitato ad essere più ambiziosi con la proposta riguardante il Bicc (strumento di bilancio per la competitività e la convergenza) in modo da perseguire anche una funzione di stabilizzazione macroeconomica, con adeguate risorse. Ha anticipato che con il nuovo anno l’Italia si farà promotrice di un rilancio sul negoziato sull’Unione bancaria.

«Con il nuovo anno l’Italia si farà promotrice di un rilancio sul negoziato dell’Unione bancaria», ha detto Conte nel suo intervento a margine del Consiglio europeo parlando del Mes e del “pacchetto” di riforme che include l’Unione bancaria.

Il premier ha poi ribadito ancora una volta come verrà coinvolto ampiamente il Parlamento: «Aspettiamo a dare una data, assolutamente».

La frenata a cena coi leader

Già in tarda serata ieri, 12 dicembre, il premier era stato protagonista di un duro intervento sulla proposta di bilancio Ue, durante la cena dei leader europei che chiude la prima giornata di lavori del Consiglio Ue. A quanto si apprende da fonti europee, il presidente del Consiglio ha bocciato la proposta di bilancio avanzata dalla presidenza finlandese. Conte ha espresso già ieri nell’informativa alle Camere i dubbi dell’Italia e questa sera nell’intervento davanti agli altri leader avrebbe espresso un giudizio molto netto

Leggi anche: