«Ue come Auschwitz», Raggi revoca l’incarico al vignettista Marione

La sindaca Virginia Raggi ha revocato l’incarico al disegnatore Mario Improta dopo il caso esploso sulla vignetta in cui la Ue viene paragonata al lager di Auschwitz. La Sindaca, secondo quanto si apprende, ha sentito telefonicamente il disegnatore e gli ha chiesto di interrompere immediatamente la collaborazione a titolo gratuito con Roma Capitale.


«Ho sentito il sindaco Virginia Raggi per non crearle ulteriori disagi ho deciso di fare un passo indietro e non collaborerò più con il Comune di Roma». Così Mario Improta racconta la decisione di interrompere i suoi rapporti con il Comune, in un messaggio scritto sul profilo di Facebook.

«Ringrazio le splendide persone con cui ho lavorato gratuitamente in questi mesi ed il sindaco per l’opportunità datami», ha scritto alla fine.‬

Visto il trambusto creato dalla vignetta, il disegnatore ha poi pubblicato qualche ora fa un link in cui chiede agli utenti di disegnare la loro idea di Unione europea. Quasi un tentativo un po’ goffo di mettere una toppa all’inciampo.

A settembre il vignettista aveva siglato un accordo per collaborare per sei mesi a titolo gratuito con il Comune, «in ordine allo sviluppo di innovativi modelli informativi anche attraverso l’utilizzo del linguaggio e dei mezzi espressivi propri della fumettistica, per promuovere fra gli studenti degli istituti scolastici romani la cultura della legalità e lo sviluppo della coscienza civile».

Leggi anche: