Caos M5s, Paragone insiste: «Non mi dimetto e non mi caccerete»

«C’è una parte del movimento che per dieci anni si è sentita ripetere che l’Europa è “brutta e cattiva” e consuma i diritti dei cittadini. E ora a quelli cosa si dice? Non è che se vi siete svegliati una mattina dentro i palazzi – perché lo so come vanno certe cose – poi cambiate idea. Io non cambio idea»

«Un conto è cacciarmi, un conto è dire ‘Paragone si dimetta’. Lo ridico: non mi dimetto e voi non mi caccerete, altrimenti nasce un problema dentro il Movimento». Lo ha detto il senatore del Movimento 5 Stelle Gianluigi Paragone intervenendo a Tagadà di Tiziana Panella su La7 oggi.


La dissidenza di Gianluigi Paragone nel M5S sembra essere arrivata al punto di non ritorno. Ieri 17 dicembre il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli aveva annunciato che per il senatore sarà aperta una procedura davanti ai probiviri del Movimento, cioè è stato messo in moto il meccanismo che potrebbe portare all’espulsione.

«C’è una parte del movimento che per dieci anni si è sentita ripetere che l’Europa è “brutta e cattiva” e consuma i diritti dei cittadini. E ora a quelli cosa si dice? Non è che se vi siete svegliati una mattina dentro i palazzi – perché lo so come vanno certe cose – poi cambiate idea. Io non la cambio l’idea».

«Con tutti i problemi che abbiamo e che dovremmo cercare di risolvere voi pensate ai probiviri di Paragone? Mi cacciano per eccesso di coerenza rispetto al programma? Son simpatici. Io non sono una persona dal bel carattere. Sono uno che si appassiona alle lotte. Il Movimento Cinque Stelle è un movimento di lotta. Se dev’essere un movimento di peluche è un problema loro. Dobbiamo dire è inutile che scrivete dei programmi elettorali», attacca il senatore M5S.

«Continua a dire e sostenere che non è più d’accordo, che non si ritrova più, non vota i provvedimenti, non vota la fiducia. Coerenza imporrebbe che prendesse una decisione, aveva detto Anna Macina, parlamentare del Movimento 5 Stelle, ad Agorà Rai Tre, sul comportamento del senatore Paragone dentro M5S. Se io non sto più bene in un posto vado via. È proprio una questione di coerenza interna. Rassegni le dimissioni, torni dai cittadini e si faccia rieleggere con una forza politica in cui crede”.

In copertina Gianluigi Paragone, in Aula del Senato durante le dichiarazioni di voto sulla questione di fiducia sul maxiemendamento del ddl di bilancio 2020, Roma, 16 dicembre 2019. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Leggi anche: