Il dipendente Esa che ha fatto causa all’Agenzia spaziale e ha vinto: «Non credo più all’Europa» – L’intervista

L’Italia è uno dei principali contribuenti per l’agenzia (si parla di oltre 2 miliardi l’anno). Per Ivan Balenzio, l’Esa lo avrebbe assunto tramite un’agenzia interinale per raggirare il sistema delle quote secondo cui ogni Paese membro ha diritto a un numero massimo di dipendenti

Ivan Balenzio ha lavorato per quindici anni all’Esrin, il centro europeo per l’osservazione della Terra, uno dei sei centri dell’Agenzia spaziale europea. È entrato nel 2001 ed è uscito nel 2015: dopo appena più di un anno ha fatto causa all’Esa e ha vinto, in primo grado. 


Il Tribunale di Velletri ha sentenziato che l’Esa dovrà risarcirlo per 210mila euro lordi per differenze retributive. Questo perché Balenzio percepiva uno stipendio inferiore rispetto ai suoi colleghi che svolgevano funzioni simili. Secondo il giudice del Tribunale di Velletri, pur essendo stato assunto tramite un’agenzia interinale – Kelly Service – Balenzio lavorava come funzionario Esa, facendo capo alla direttrice. 

La questione è resa più complicata dal fatto che l’Agenzia gode di immunità di giurisdizione. Ma – così ha stabilito il Tribunale di Velletri – questo non vuol dire che possa ignorare le normative italiane in merito alla retribuzione e alla discriminazione sul lavoro. L’Esa si è difesa attribuendo le responsabilità per una errata retribuzione alla Kelly Service e sostenendo che Balenzio non è mai stato un loro dipendente.

Oggi, a 44 anni, Balenzio si sta reinventando come insegnante in un liceo. Per l’Esa aveva lavorato come addetto alla comunicazione, prima di essere licenziato nel 2015. Intervistato da Open, si dice provato per quanto accaduto, lamentando anche di aver subito delle discriminazioni di genere da parte dei suoi ex datori di lavoro, discriminazioni di cui porta ancora oggi la ferita.

Interpellato da Open, il capo del Dipartimento servizi legali dell’Esa Marco Ferrazzani, smentisce che ci sia stata alcuna denuncia per discriminazioni di genere da parte di Balenzio, aggiungendo che «le situazioni descritte da lui nell’atto di citazione e nel processo non sono state ritenute come cause di discriminazione» da parte del giudice.

Balenzio, quali sono stati i motivi del suo licenziamento? 

«Dal 2001 sono stato assunto tramite la Kelly Service e ho sempre svolto attività da staff. La situazione mi aveva sempre provocato disagio a causa della disparità salariale. Per esempio, verso la fine avevo accumulato circa 300 ore di ferie arretrate. Ma c’era anche un fattore umano: dal 2006 ho cominciato a soffrire di attacchi di panico dovuti al fatto che ritenevo di aver subito discriminazioni in quanto omosessuale».

Per esempio?

«Si è trattato principalmente di scherzi, paragoni, riferimenti. Una cosa che non potrò mai dimenticare è che durante la feste organizzate dopo i vari eventi di comunicazione, il mio capo mi diceva costantemente “il prosecco lo bevono gli omosessuali”. Ripetuta più volte mi era sembrato un attacco personale».

Il tribunale di Velletri però non ne ha tenuto conto nell’arrivare a un giudizio nel suo caso.

«Gli episodi personali sono stati indicati ma il giudice non ha ritenuto di approfondire questi aspetti e poi noi – con il mio legale – non abbiamo avanzato pretese economiche a riguardo, riservandoci di farlo in un secondo momento. Il giudice non ha sollevato interesse per la questione, noi non abbiamo avanzato pretese perché è stato un periodo difficile per ragioni personali».

Il licenziamento come è stato motivato?

«Non è stato motivato. Semplicemente non mi hanno rinnovato il contratto, anche se con la Kelly Service avevo un contratto a tempo indeterminato. Per un periodo ho ricevuto un terzo del mio stipendio perché, una volta terminato il contratto con l’Esa, la Kelly Service si è impegnata a pagare metà dello stipendio. Io ne ho ricevuto un terzo perché mi trovavo in un part-time».

Come è avvenuta la sua assunzione invece?

«Non ho mai fatto un colloquio con Kelly Service per accedere all’Esa. Innanzitutto ho avuto un incontro alla mensa dell’Esrin con una direttrice dell’agenzia, incontro durante il quale le ho raccontato la mia storia personale. Sono entrato in contatto con la direttrice perché ho fatto un master in gestione dell’ufficio stampa e comunicazione a Roma e durante questo master avevo conosciuto la persona che all’epoca si occupava di gestire l’ufficio stampa che mi ha proposto alla direttrice. È stata la direttrice a dirmi di rivolgermi all’agenzia [Kelly Service ndr]. In seguito, prima di prendere servizio all’Esa, ho fatto un colloquio con la Kelly Service che mi ha spiegato le condizioni di lavoro».

Non ha domandato all’Esa perché non volessero assumerla direttamente? 

«Non solo l’ho domandato, ma nell’ultimo periodo avevo fortemente espresso la volontà di diventare staff, ma la risposta è sempre stata che non potevo essere assunto come staff per il fatto che fossi italiano. Credo per una questione di quote e di rappresentanza degli staff all’interno dell’Esa. Un giorno chiesi alla direttrice un documento dove questo fosse attestato e lei come risposta mi ha mandato fuori dal suo ufficio».

Ha fatto questa domanda prima di essere assunto?

«Mi fu risposto che diventare staff era troppo difficile. E non nascondo che in quel periodo volevo tanto quel lavoro, perché volevo lavorare per le istituzioni europee. Per questo dico in questo periodo che non credo più all’Europa».

Per quando è prevista l’udienza d’appello? 

«Non sappiamo ancora quando sarà. Il mio avvocato mi ha parlato della consegna della notifica da parte di Kelly Service. Non abbiamo ancora ricevuto la notifica dell’Esa. In questo momento non sto pianificando nessun “passo”, credo che questa sia una partita ancora aperta. Aver ricevuto questa notifica ha pure riacutizzato le mie ansie e i miei timori». 

Conosce altre persone nella sua situazione? 

«Ho sentito che ci sono persone che hanno vissuto situazioni simili. Una persona di cui mi ricordo era dipendente di un’altra società, Serco». 

Ha ancora a che fare con Kelly Service?

«Non vorrò mai avere a che fare né con Kelly Service né con l’Esa, con mio profondo dolore. Non nascondo che questa situazione abbia cambiato la mia idea di passato, presente e futuro. Lasciare l’Esa ha segnato un enorme cambiamento dal punto di visto personale oltre che professionale».

Foto di copertina: Direttore Generale ESA agli Stati Generali dello Spazio, Napoli, 6 dicembre 2019 ANSA / CIRO FUSCO

Leggi anche: