Giuseppe Conte lancia la sua sfida per il 2020: «I giovani non vanno traditi»

Il premier ha fatto visita alla prima bimba nata nel 2020: «Lei e tutti gli altri bambini che si affacciano alla vita in queste ore devono potere crescere in un Paese che garantisca loro un presente e un futuro all’altezza dei propri sogni»

Se il 2019 doveva essere un anno bellissimo, per il 2020 la definizione potrebbe essere di anno intenso. O meglio: di intenso lavoro. A descriverlo così è il premier, Giuseppe Conte, in un post su Facebook. «Ci aspetta un anno di intenso lavoro per fare in modo che le aspettative dei nostri giovani non siano tradite», scrive il presidente del Consiglio.

«Questa mattina sono andato a conoscere Bianca, la prima bambina nata in Italia, a Roma, nel 2020», dice Conte. «Lei e tutti gli altri bambini che si affacciano alla vita in queste ore devono potere crescere in un Paese che garantisca loro un presente e un futuro all’altezza dei propri sogni».

Questa mattina sono andato a conoscere Bianca, la prima bambina nata in Italia, a Roma, nel 2020. Lei e tutti gli altri…

Gepostet von Giuseppe Conte am Donnerstag, 2. Januar 2020

L’Italia, ricorda Conte, «sta attraversando un preoccupante calo di nascite, il più elevato dai tempi dell’unità d’Italia. Dobbiamo lavorare con il massimo impegno e la massima determinazione per invertire questo trend ed evitare che il nostro diventi un Paese sempre più “anziano”. Gli interventi già varati per gli asili nido e i bonus bebè sono misure importanti, ma sono solo il primo passo».

Leggi anche: