Irlanda del Nord, via libera alle unioni civili fra persone dello stesso sesso

La conquista era arrivata anche grazie alla paralisi istituzionale del Paese, senza governo da gennaio 2017 fino a poco fa

Svolta in Irlanda del Nord. Al via oggi le unioni civili di cui potranno usufruire sia le coppie eterosessuali che quelle omosessuali. A riferirlo è la Bbc che specifica che sarà anche possibile per le coppie gay già sposate all’estero vedere ora la loro unione legalmente riconosciuta in patria. Per gli attivisti si tratta di una «giornata storica per l’uguaglianza e i diritti umani»: le prime unioni sono programmate già da febbraio.

L’emendamento che dava il disco verde al matrimonio fra persone dello stesso sesso era stato votato lo scorso luglio dai deputati di Westminster: la conquista era arrivata grazie alla paralisi istituzionale del Paese, senza governo da gennaio 2017 fino a poche ore fa. In assenza di esecutivo e quindi di opposizione al provvedimento, i parlamentari britannici hanno esteso anche al territorio nord irlandese il diritto al matrimonio gay, in vigore dal 2014 in Inghilterra, Scozia e Galles.

Diventata effettiva dal 22 ottobre scorso, la norma stabiliva l’entrata in vigore da gennaio 2020. Sfruttando il vuoto di potere a Belfast, gli attivisti per i diritti degli omosessuali nord-irlandesi hanno rafforzato la loro battaglia legale rivolgendosi direttamente a Westmintser. L’emendamento al Northern Irland Act 2019, stilato dal deputato laburista Conor McGinn, e approvato dal Parlamento obbligava il governo di Belfast a legiferare sul matrimonio dello stesso sesso entro il 21 ottobre scorso, altrimenti sarebbe diventato legale dal giorno successivo.

«Oggi è un giorno da celebrare per chiunque riconosca i valori dell’uguaglianza, dell’amore e del rispetto» ha commentato McGinn. Tuttavia, ad oggi, chi ha contratto un’unione civile non potrà chiederne la conversione in matrimonio. Le autorità nord irlandesi si sono impegnate ad organizzare entro il 2020 una consultazione sulla conversione delle unioni civili e sul ruolo delle chiese nei matrimoni omosessuali.

Leggi anche: