Yemen, razzi dai ribelli Houti su un campo di addestramento governativo: 70 soldati morti

Secondo i media arabi l’attacco sarebbe avvenuto con missili balistici e droni

Almeno 70 soldati pro-governativi sono rimasti uccisi in un attacco missilistico dei ribelli Houti contro un campo di addestramento nella provincia di Marib, Yemen centrale. Lo riferiscono fonti mediche e militari. Il presidente yemenita Abd Rabbo Mansour Hadi ha accusato gli Houti e condannato l’attacco definendolo “codardo e terroristico”. Secondo i media arabi il raid sarebbe stato effettuato con missili balistici e droni.

Lo scontro in Yemen va avanti dal 2015, da quando una guerra civile si è presto trasformata in un confronto aperto tra Arabia Saudita e Iran. Riad è intervenuta nel conflitto cinque anni fa, spinta soprattutto dagli Emirati Arabi, per ripristinare il governo del presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi, che gli Houthi hanno deposto nel 2015.

Gli Houthi spesso considerati affiliati all’Iran, e supportati finanziariamente e militarmente da Teheran, detengono Sanaa e la maggior parte dei grandi centri urbani dello Yemen, ma negano di essere burattini dell’Iran e affermano di combattere un sistema corrotto.

Leggi anche: