Willie Peyote: «Le Sardine manifestano il dissenso senza urlare» – Il video

Appena sceso dal palco dell’evento “Bentornati in mare aperto”, Willie Peyote parla a Open: «Non importano i motivi per cui ognuno di noi è qui, il messaggio è che siamo tutti in disaccordo con un certo modo di fare politica»

Dal primo all’ultimo artista, le oltre 30mila Sardine – 10mila secondo la Questura – sono rimaste in piedi, in piazza VIII agosto, dalle 15 alle 22. Sette ore di musica, monologhi e interventi sotto il cielo clemente di Bologna che si è aperto verso l’ora di pranzo.

E, nonostante il freddo si fosse fatto pungente, le Sardine si sono animate per uno dei momenti più coinvolgenti della giornata: Willie Peyote e i Subsonica sono saliti insieme sul palco, un avamposto torinese in una line-up prettamente emiliano-romagnola.

«Per anni si è pensato che gli italiani non avessero niente da dire e, invece, le Sardine, senza urlare, sono riuscite a manifestare il loro dissenso. Io, poi, non voglio essere portavoce di nessuno, sono qui da libero cittadino», così Willie Peyote, intervistato da Open, appena sceso dal palco del concerto.

Foto e video di Felice Florio per Open

Leggi anche: