Smog, dal 2023 stop caldaie a gasolio a Milano: la proposta di Beppe Sala

Una misura che colpirà non solo le abitazioni private ma anche il pubblico, come le scuole

Dall’inverno del 2023 saranno dichiarate fuorilegge tutte le caldaie a gasolio. Ad annunciarlo, a margine di un appuntamento pubblico, è il sindaco di Milano Giuseppe Sala che, poco tempo fa, ha annunciato di voler vietare il fumo alle fermate di bus e tram e allo stadio San Siro.


«La prossima cosa che proporrò da assessore alla Transizione ambientale, più che da sindaco, è di dichiarare fuorilegge le caldaie a gasolio dall’inverno del 2023 – ha detto – in altre parole ci saranno 3 anni di tempo per intervenire e voglio precisare che la misura riguarderà il privato e il pubblico».

Sulle caldaie a gasolio «mi sembra che sia qualcosa di totalmente accertato da tutte le analisi» il fatto che inquinano, «ormai siamo arrivati a questo zoccolo duro di circa 1500 condomini che non la cambiano. Per cui di fatto è necessario intervenire con una regolamentazione».

«Io non voglio solo regolamentare ma anche supportare per cui chiamerò già da settimana prossima gli amministratori condominiali – ha aggiunto Sala – per capire cosa si può fare, risentirò il governo per capire se i finanziamenti possono essere diversi, rifletterò a livello di giunta per capire se possiamo fare di più, ma questo è uno degli elementi fortemente inquinanti».

Il sindaco, infine, ha chiarito che il Comune di Milano ha ancora «alcune decine» di caldaie che appartengono a scuole e edilizia pubblica. «Ho fatto fare una verifica e lo possiamo fare: affretteremo alcuni percorsi, ma è chiaro che se non diamo l’esempio noi, poi ha ragione chi non farà una cosa così» . Ma ha assicurato: «Noi lo faremo».

Leggi anche: