Ma quale amore: Banksy ci ha sbattuto in faccia (di nuovo) la fine dell’innocenza e la scelta della ribellione

L’ultima opera dello street artist sembra un mash-up di due opere precedenti. Ma crescere significa anche scegliere di plasmare il proprio futuro. Per non rimanerne vittima

Nel 2004 sul ponte di Waterloo a Londra appariva un’innocente bambina dai capelli scompigliati dal vento che perdeva il suo palloncino a forma di cuore, nota ai più come Girl with Balloon, la Bambina col palloncino, forse l’opera più conosciuta in assoluto di Banksy.

 Flickr/Dominic Robinson | Girl with baloon, Banksy

Tentava di recuperarlo stendendo il braccio per ricongiungersi con il proprio compagno di giochi, con uno sguardo amareggiato e prossimo al pianto: come se fosse destinata alla solitudine, privata dal mondo anche di quel semplice palloncino rosso.

 Flickr/Dominic Robinson | Girl with balloon (dettaglio), Banksy

Banksy tentava però di consolare la bambina, ricordandole che c’è sempre speranza. There is always hope è infatti la scritta che accompagna il murale nella zona di South Bank.

 Flickr/Dominic Robinson | Girl with balloon – There is always hope (dettaglio), Banksy

Sono passati quasi 16 anni da allora, e quella bambina è ormai cresciuta: così come è cresciuta in lei la disillusione e una sorta di disperazione, man mano che quel palloncino cui non avrebbe mai potuto ricongiungersi volava via.

Come perdere un pezzo di sé nel vento, ma portarne dentro ancora le ferite.

La crescita della bambina con il palloncino

La speranza, nel corso degli anni, sembra essersi annichilita: si è trasformata sempre più in rabbia. La bambina ormai non indossa più un grazioso vestitino mosso da quel vento che le scombina anche i capelli e le porta via il palloncino a forma di cuore. Ora ha il capo coperto da un cappuccio e una fionda in mano.

Paul Gillis / SWNS | La ragazza che spara con la fionda

La giovane di Extinction Rebellion

Un cappuccio che ricalca pressoché in modo identico quello indossato da un’altra bambina ormai cresciuta (sempre che non sia la stessa), già raffigurata in un murale presumibilmente di Banksy nell’aprile 2019, e apparso vicino ad Hyde Park, durante le proteste del movimento ambientalista Extinction Rebellion.

A sinistra la ragazza che spara con la fionda (Banksy, 2020), a destra la ragazza del murale apparso durante le manifestazioni di Extinction Rebellion (attribuito a Banksy, 2019)

In questo caso la giovane viene raffigurata china a terra, con un cappuccio in testa, un microfono con il logo di Extinction Rebellion e al suo fianco una piccola pianta appena piantata.

Ad accompagnare questo murale c’è una citazione tratta da Traité de savoir-vivre à l’usage des jeunes générations (“Trattato di buone maniere per le giovani generazioni”, ndr) di Raoul Vaneigem: «From this moment despair ends, and tactics begin» («Da questo momento finisce la disperazione e iniziano le tattiche», ndr). 

Wikimedia | From this moment despair ends and tactitcs begin, attribuito a Banksy, 2019

Banksy non ha mai rivendicato l’opera, ma gli stessi organizzatori hanno più volte ribadito si trattasse di un originale, tant’è che il murale è stato coperto con una lastra di plexiglass onde evitare azioni vandaliche. Un’ipotesi di “paternità” che si rafforza data anche la presenza dei Massive Attack alla protesta del movimento ambientalista, e alla sempre più frequente associazione tra Robert Del Naja (membro della band britannica, per l’appunto) e Banksy.

Il mash-up delle due giovani

E mesi e mesi dopo ritroviamo Banksy a Bristol, sua città natale, mentre ripresenta al pubblico quello che sembra un mash-up delle due opere precedenti – subito vandalizzato. Un murale che si espande tridimensionalmente e che con un gesto sembra spazzare via definitivamente l’amarezza della bambina a cui il vento aveva rubato il palloncino. Mossa dalla scelta della ribellione e dal riscatto.

La ragazza che spara con la fionda, Banksy, 2020

È così che quel palloncino di speranza viene fatto esplodere straripando foglie d’edera (che nella simbologia botanica rappresentano continuità e fedeltà, tant’è che nell’antica Grecia venivano utilizzate per comporre le corone degli sposi) e rose.

Twitter / _ArtofFilm | La ragazza che spara con la fionda (dettaglio), Banksy, 2020

Il tutto mentre a terra cadono dei papaveri rossi che, nella tradizione inglese (ma si pensi anche al riferimento ai papaveri di Fabrizio De Andrè ne La Guerra di Piero), ricordano i caduti in battaglia, così come le speranze perdute e abbandonate sulla strada durante la crescita.

Twitter / Matthias Kurth | La ragazza che spara con la fionda (dettaglio), Banksy, 2020

Una battaglia della bambina che — ormai cresciuta, disillusa, arrabbiata – con una fionda in mano fa partire un colpo: una sorta di “amati, copriti, carica, spara”, per citare un recente brano sulle scelte da compiere nella vita di un rapper ermetico italiano.

Il tutto per far esplodere l’illusione che si porta dietro sin dall’infanzia, l’illusione del «C’è sempre una speranza», lasciando invece spazio invece alla sua azione, senza subire più la condizione di passività mista a impotenza e disperazione davanti a uno dei più emblematici eventi che hanno segnato la sua vita. Per plasmare lei stessa il suo futuro con le sue scelte e azioni.

Chissà cosa le riserverà il futuro.

Leggi anche:

Foto copertina: Banksy