Coronavirus. Supermercati chiusi la domenica? La mappa dei nuovi orari. In Sicilia marciapiedi invasi di persone – Il video

Intanto, nel resto d’Italia, le principali catene di supermercati riducono gli orari di apertura e in alcuni casi dispongono la chiusura per le prossime due domeniche

È scontro tra Palazzo Chigi, che ha chiesto di lasciare aperti i supermercati anche nel fine settimana, e alcune regioni che, invece, ne hanno disposto la chiusura la domenica per contenere l’epidemia del Coronavirus. Tra queste ci sono Sicilia e Veneto, oltre a Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Campania e Calabria, che hanno deciso di imporre la serrata dei supermercati nei festivi.

Sicilia

La Sicilia, su ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci, ha disposto la «chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, fatta eccezione per le farmacie di turno e le edicole» imponendo, poi, che le «uscite per gli acquisti essenziali, a eccezione di quelle per i farmaci, vadano limitate ad una sola volta al giorno e a un solo componente del nucleo familiare».

Per questo motivo stamattina è cominciato l’assalto ai supermercati sia a Palermo che a Catania. Nel capoluogo siciliano – come mostrano le foto e i video inviateci dai nostri lettori, dall’avvocato Francesco Leone e da Giuseppe Fatta – si sono registrate lunghe code nel cuore della città. Soprattutto alla Lidl di via Roma dove i marciapiedi sono invasi di persone.

palermo
Giuseppe Fatta | Lunghe code alla Lidl di Palermo

Lazio

Il Lazio, invece, ha optato per la chiusura dei supermercati tutti i giorni alle 19 mentre la domenica alle 15.

Torino e Milano

Non va meglio a Torino dove, tra strade deserte, le uniche code si vedono davanti ai grandi supermercati a causa dell’ingresso a scaglioni. In uno di questi l’attesa è di oltre un’ora. Situazione simile a Milano dove la gente ha cominciato a mettersi in fila già alle 6.30 del mattino. Intanto il sindaco Beppe Sala, così come l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera, ha chiesto a gran voce che i supermercati restino aperti sempre, compresi i festivi. Dello stesso avviso il leader di Italia Viva Matteo Renzi che su Twitter ha scritto: «Ridurre gli orari dei negozi crea solo più problemi: più calca, più code, più contagi».

Ecco, dunque, una lista delle principali catene di supermercati che hanno deciso di ridurre, nel resto d’Italia, gli orari di apertura disponendo, in alcuni casi, anche la chiusura domenicale.

Esselunga

Da lunedì a sabato dalle 7.30 alle 20, domenica dalle 8 alle 15. Per gli over 65 gratuita sia la consegna della spesa online che quella effettuata in negozio. Ingresso e cassa prioritaria per operatori sanitari e associazioni di volontari. In Lazio, invece, nel rispetto delle disposizioni regionali, Esselunga resterà aperta dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 19 e la domenica dalle 8 alle 15.

Pam

Anche Pam si è adeguata alle recenti disposizioni regionali e ministeriali e ha ridotto gli orari di apertura al pubblico per garantire «ai collaboratori il giusto riposo in questo periodo di duro lavoro». In Lazio i supermercati resteranno aperti dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 19, la domenica dalle 8.30 alle 15. In tutte le altre regioni dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 20 e la domenica fino alle 15.

Carrefour

Da lunedì a sabato dalle 8.30 alle 19, la domenica fino alle 15 «così da consentire il giusto riposo per tutti i dipendenti che sono sempre in prima linea in questo monto difficile». Più di un’ora è l’attesa per accedere al servizio di spesa online: per questo motivo – si legge sul sito di Carrefour – è stato chiesto ai clienti di «lasciare la priorità a chi potrebbe avere bisogno della spesa online come, ad esempio, anziani, persone diversamente abili, future mamme o neo genitori e persone ammalate».

Lidl

Questi gli orari di apertura: da lunedì a sabato dalle 8.30 alle 19 e la domenica dalle 8.30 alle 13.

Auchan e Conad

Da lunedì a sabato dalle 8.30 alle 19. Chiusi domenica 22 e domenica 29 marzo.

Coop

Anche Coop chiude «gli oltre 1100 punti vendita domenica 22 e domenica 29 marzo». Si tratta di «una misura che risponde all’esigenza di una pausa per il personale impegnato nei punti vendita e rafforza l’invito a limitare le uscite, razionalizzando i momenti di spesa negli altri giorni della settimana».

Eurospin

Annunciata la chiusura dei punti vendita solo per domenica 22 marzo. Gli orari di apertura, nelle altre giornate della settimana, rimangono al momento invariati.

Penny Market

Aperto dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20, disposta la chiusura per domenica 22 marzo per «permettere alle nostre persone di potersi fermare, riposare e passare una giornata con le proprie famiglie».

Le raccomandazioni

Fare la spesa il meno possibile, non una volta al giorno, ma possibilmente una volta alla settimana; non recarsi tutti insieme in negozio, ma solo un componente per famiglia; non utilizzare la scusa di uscire per fare la spesa solo per concedersi lunghe passeggiate. Consigliato, infine, l’uso di guanti monouso e l’ingresso, all’interno dei supermercati, a piccoli gruppi, evitando ogni forma di assembramento.

Foto in copertina gentilmente concessa da Giuseppe Fatta – Video dell’avvocato Francesco Leone

Il parere degli esperti:

Leggi anche: