Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Napoli. Questa è la foto dello stupratore dell’infermiera? No! È un altro senegalese arrestato a Pescara

Qualcuno ha cercato la foto di un senegalese e l’ha messa in pasto all’odio degli utenti che accusano una persona di un orribile reato

Lo scorso 3 maggio 2020 un’infermiera, che si occupa dell’assistenza ai pazienti Covid-19, è stata violentata nel parcheggio degli autobus Metropark di Napoli. L’autore dell’orrendo reato, un senegalese, è stato individuato e arrestato. Intorno al 9 maggio 2020, come possiamo notare dal seguente post Facebook della Lega Ogliastro Cilento, è circolata la presunta foto dello stupratore:

Questo è il volto del #senegalese, #extracomunitario #clandestino che, nei giorni scorsi, ha barbaramente aggredito e #violentato una #infermiera a #Napoli nelle adiacenze della #stazione #centrale. Nessuna #clemenza verso di lui: #pena esemplare e da scontare fino all’ultimo respiro di vita. #sibuttilachiave

La foto è stata successivamente condivisa anche da altre pagine Facebook del partito, come la Lega Toscana, o di influencer come l’avvocato Rosanna Ruscito che il 10 maggio 2020 pubblica il seguente tweet:

Questo è il senegalese che nei giorni scorsi, ha barbaramente aggredito e violentato per 45 minuti, un’infermiera nei pressi della stazione centrale di Napoli.
Da donna e da mamma gli auguro tutto il male possibile, come cittadina dubito sconterà una pena adeguata

Non si hanno riscontri della diffusione della foto dello stupratore da parte delle Forze dell’Ordine, il che farebbe pensare che la foto «segnaletica» sia sfuggita da qualche parte. Il mistero viene svelato quando sul sito Rete8.it troviamo la foto completa relativa a un senegalese arrestato durante la movida pescarese nel 2017 per spaccio di droga:

Blitz antidroga nella zona della movida pescarese, arrestato un senegalese di 40 anni. E’ stato sorpreso con decine di dosi di cocaina e marijuana.

Ecco la foto completa, tagliata apposta da chi ha voluto diffondere l’associazione tra l’arrestato del 2017 per droga con lo stupratore del 2020 a Napoli:

Nell’articolo del 2017 si parla di un uomo di 40 anni con regolare permesso di soggiorno, mentre per il caso di Napoli si parla di un «giovane senegalese»:

«Un giovane di origini senegalesi è stato arrestato dalla polizia a Napoli per violenza sessuale» (Corriere del Mezzogiorno)

«Un giovane di origini senegalesi è stato arrestato dalla Polizia a Napoli per violenza sessuale» (Il Mattino)

In mancanza dell’età dello stupratore, potrebbe sorgere comunque il dubbio che sia la stessa persona che da Pescara si sia poi negli anni spostata a Napoli. Non rimane altro che contattare la Polizia che, infatti, smentisce il legame tra l’uomo della foto diffusa sui social e lo stupratore del caso napoletano.

Leggi anche: