La gaffe della ministra Azzolina: «Gli studenti non sono imbuti da riempire…». E parte lo sfottò sui social

Partono a raffica i commenti impietosi sulla metafora tentata dalla ministra, che invitava i docenti a un metodo di insegnamento meno nozionistico

Sui social non è passata inosservata la gaffe della ministra all’Istruzione Lucia Azzolina, che si è addentrata a paragonare gli studenti a degli imbuti: «Gli studenti – ha detto la ministra – non sono imbuti da riempire di conoscenze».

Un invito ai docenti perché inseguano metodi di insegnamento più virtuosi, ma che di certo trova complicata applicazione, visto che – come fanno notare in tanti alla ministra – in un imbuto da riempire, comunque, si svuota.

La mente di molti è subito andata alla mitica Vulvia, famosissimo personaggio di Corrado Guzzanti sulla presentatrice di un canale tv educativo con la fissa per gli imbuti.

C’è però chi tenta anche la difesa l’uscita della ministra, scomodando la teoria dei flussi. Ma ormai, la gaffe è fatta.

Leggi anche: