Incidente in un cantiere a Roma, morti due operai di 29 e 53 anni. Aperta indagine per omicidio colposo

Sembra che i due operai stessero tagliando una trave quando sono caduti da un’altezza di oltre 20 metri. La Procura adesso vuole verificare se all’interno del cantiere siano state rispettate le norme di sicurezza

Hanno 29 e 53 anni i due operai morti, dopo essere precipitati in un cantiere edile in piazza Lodovico Cerva, in zona Vigna Murata, a Roma. Resta ancora da chiarire la dinamica dell’incidente. Stando a una prima ricostruzione, però, sembra che i due operai stessero tagliando una trave quando improvvisamente sono caduti da un’altezza di oltre 20 metri e non tre metri, come trapelato inizialmente.


Mentre i vigili del fuoco stanno mettendo in sicurezza la trave sospesa a circa 20 metri di altezza, la Procura di Roma ha deciso di aprire un fascicolo per omicidio colposo. L’obiettivo è quello di verificare se all’interno del cantiere siano state rispettate le norme di sicurezza.

La reazione della ministra del Lavoro

«Sono vicina alle famiglie dei due operai che questa mattina hanno tragicamente perso la vita in un cantiere edile a Roma. In attesa che la magistratura chiarisca le cause dell’incidente, voglio ribadire un aspetto per me centrale nell’azione del mio Ministero e, più in generale, del Governo: mai come ora, è necessario uno sforzo unitario per rafforzare il sistema di prevenzione di infortuni e morti sul lavoro. Aprirò il tavolo odierno partendo proprio da qui», queste le parole della ministra del Lavoro Nunzia Catalfo su Facebook.

Foto in copertina: ANSA/ANGELO CARCONI

Leggi anche: