Bielorussia al voto, stavolta ci sono anche tre donne a sfidare il dittatore Lukashenko: «Il suo tempo è finito»

Svetlana Tikhanovskaya si è candidata alle elezioni presidenziali dopo che il marito è finito in carcere. Altre due donne si sono unite per sostenerla nell’opposizione al dittatore bielorusso

Al potere dal 1994, il prossimo 9 agosto il presidente bielorusso Alexander Lukashenko cercherà l’ennesima rielezione. Ma questa volta a sfidare l’ultima dittatura d’Europa ci saranno tre donne. Svetlana Tikhanovskaya, 37 anni, insegnante, si è fatta avanti dopo che il leader bielorusso ha incarcerato il marito, il blogger Sergei Tikhanovskaya, due giorni dopo l’annuncio della sua candidatura alla presidenza.


Tikhanovskaya ha unito le forze con altre due donne. Veronika Tsepkalo, moglie dell’ex banchiere Viktor Babariko, attualmente in prigione con suo figlio Eduard con accuse di frode; e Maria Kolesnikova, a capo della campagna elettorale di un ex ambasciatore negli Stati Uniti, Valery Tsepkalo, a cui è stata negata la candidatura.

EPA/TATYANA ZENKOVICH | A sinistra Svetlana Tikhanovskaya, a destra Maria Kolesnikova

In poche settimane, la timida Svetlana è riuscita a raccogliere consensi in tutto il Paese e radunare migliaia di persone anche nel feudo di Lukashenko, Orsha, la sua città natale. Pochi si aspettano che l’opposizione guidata da Tikhanovsky riesca nell’impresa di rovesciare il politico al potere da un quarto di secolo. Ma l’ex insegnante sa di dover rischiare tutto, tanto che ha mandato i suoi figli di 4 e 10 anni fuori dalla Bielorussia dopo aver ricevuto minacce di morte.

«Lukashenko capirà che il suo tempo è finito»

«Ero solo una moglie e una madre ed ero assolutamente felice della mia vita», ha raccontato alla Bbc. «Ho paura. Possono farmi qualsiasi cosa, possono portare i miei figli in un orfanotrofio». Tikhanovsky sa che le elezioni non saranno regolari, ma l’obiettivo è un altro: «Lukashenko capirà che il suo tempo è finito».

«Crediamo di non essere inferiori, che siamo uguali agli uomini e crediamo di poter vincere», ha detto Tsepkalo dopo l’annuncio della candidatura, in uno smacco a Lukashenko, che poche giorni prima aveva affermato che la politica deve rimanere dominata dagli uomini. «La nostra costituzione non è fatta per una donna», ha detto. «La nostra società non è matura al punto da votare una donna».

La repressione di Lukashenko

Intanto, almeno 700 sostenitori e attivisti dell’opposizione sono stati arrestati, insieme a 17 giornalisti, secondo i dati dell’organizzazione per i diritti umani Viasna. Lo scorso 15 luglio migliaia di persone erano scese in strada per protestare contro la decisione delle autorità di respingere la candidatura di Viktor Babaryko e Valery Tsepkalo, considerati i principali rivali del presidente Aleksandr Lukashenko alle elezioni del prossimo 9 agosto.

«Amo mio marito, quindi continuo la sua causa», ha detto a una folla di diverse migliaia di elettori in un discorso a Barysaŭ la scorsa settimana. «Adoro i miei figli e voglio che crescano in un Paese in cui alle persone non viene chiusa la bocca. Adoro i bielorussi, quindi voglio dar loro la possibilità di scegliere».

Leggi anche: