Volo Air India si schianta e si spezza in due all’aeroporto di Kozhikode, nel Kerala. Almeno 20 morti e 123 feriti

Il velivolo, secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe schiantato probabilmente a causa delle forti piogge. I soccorritori avrebbero salvato un bimbo di un anno e mezzo

Un aereo che volava da Dubai a Kozhikode, in India, con 191 passeggeri a bordo si è schiantato in una valle dopo aver superato la pista ed essersi spezzato in due parti. Sui social media circolano in queste ore immagini che mostrano un velivolo, probabilmente un Boeing 737, spezzato in due, fermo in una zona limitrofa all’aeroporto di Kozhikode, nello stato indiano del Kerala.

Secondo quanto riportato dai media locali, il pilota sarebbe morto, così il vicepilota. Stando a quanto riferito dalla polizia indiana, il bilancio sarebbe attualmente di almeno 20 vittime. E sale di ora in ora il bilancio dei feriti, 123 nel momento in cui si scrive secondo il quotidiano The Hindu.

I soccorritori della task force nazionale arrivati sulla scena sarebbero riusciti a trarre in salvo un bambino di un anno e mezzo. Secondo l’emittente indiana, Ndtv, a bordo ci sarebbero stati almeno 10 bambini.

L’aereo dell’Air India, secondo le prime ricostruzioni, proveniva da Dubai ed è uscito fuori pista probabilmente per le forti piogge. Era adibito a collegamento speciale di rimpatrio per i cittadini indiani bloccati all’estero dal Coronavirus. Lo si apprende dai media indiani. I voli internazionali da e per il Paese sono infatti sospesi fino al 31 agosto.

Fonte foto copertina: Twitter @INCKerala

Leggi anche: