Ecco i manifestanti pestati dalla polizia in Bielorussia, le immagini che sbugiardano il governo – Video

La videomaker Christina Ivanshina ha mostrato i lividi e le ferite sui corpi di alcuni manifestanti appena tornati liberi dopo gli scontri con la polizia

Sono immagini crude quelle diffuse dalla videomaker Christina Ivanshina che su YouTube ha pubblicato un video per denunciare le violenze della polizia contro i manifestanti in Bielorussia. Le immagini rilanciate dal portale Tut.by sono accompagnate da una didascalia secca: «Non servono parole». Bastano infatti le immagini che mostrano le condizioni dei manifestanti per raccontare cosa abbiano subito durante la detenzione in carcere, dopo gli scontri con la polizia.

Quelli che hanno deciso di mostrarsi sono «colpo che non hanno paura – scrive la videomaker – una minoranza, coloro che non sono in ospedale e sono stati in grado di venire». Ivashina ha spiegato di aver incontrato diverse decine di vittime delle violenze della polizia, appena hanno potuto lasciare il carcere, e ha lanciato una provocazione al governo bielorusso: «Non c’è stata nessuna violenza, vero signor Barsoukov?», citando il viceministro dell’Interno che aveva negato i pestaggi nei confronti dei manifestanti.

Leggi anche: